Tutto marcio, meno Peppe

Il PDL è l’ impero del male, è il partito del banana, va da sè. Il PD fa schifo, un branco di collusi col banana, inciuciari che non sono altro. Monti, chi? Spariti gli “Amici di Marco” (IdV e Ingroia), oggi è il turno di Peppe.

Non proprio da oggi, è da tempo che il giornaletto è diventato il megafono di Peppe. Adesso semmai non vedremmo più un Sansa indignato, talmente è palese il leccaculismo verso Peppe, in cui spiccano le prestazioni di Scanzi, ma non solo. Sì certo, anche Peppe talvolta sbaglia, ma sono errori d’ inesperienza (o imbecillità?). E lasciamo stare che gli errori degli amici sono piccolezze mentre quelli dei nemici sono attentati alla Costituzione, è un classico giornalistico ben diffuso. Stupisce semmai che lo pratichino anche i Grandi Giornalisti Liberi.

Che sono poi gli stessi che errori non ne fanno, mai. Perchè loro prima di pubblicare una notizia “siamo abituati a verificarle. E, se non riusciamo a verificarle, non le scriviamo(ipse dixit, il cazzaro dalla fronte spaziosa). Ed infatti è vero: raramente hanno qualcosa da verificare, mancando le notizie. Gli insulti non necessitano verifica.

Purtroppo però ingannano sempre meno lettori, e le vendite calano. Il grosso problema è che con qualcuno bisogna prendersela, farci polemica, inveire fino all’ insulto, altrimenti l’ uligano non compra il giornaletto. Il lettore tipo ha bisogno non tanto di nuovi eroi, quanto di nuovi bersagli contro i quali sfogare la rabbia, con contorno di battutella.

La sterzata grillonza sembrava la mossa giusta, quasi obbligata, ma se su poco meno di nove milioni d’ elettori (e dai 18 anni in su dovrebbero saper leggere tutti) solo uno 0,6% circa compra il Rutto Quotidiano, significa che nemmeno loro si sono fatti abbindolare.

Che ingrati, se solo sapessero quanto spende Scanzi di pulizia interdentale ogni mese.

Dati medi mensili stimati dichiarati dall’editore ad ADS

  • Dati Mensili Stimati Aprile 2013 | Quotidiani e Settimanali
Testate N.ri nel periodo Tiratura media Diffusione media Resa Totale vendita Vendita canali prev. disp. di legge Abbon. pagati Totale pagata
FATTO QUOTIDIANO (IL) 25 119.791 55.817 63.903 54.035 54.035 1.422 55.457
  • Dati Mensili Stimati Maggio 2013 | Quotidiani e Settimanali
Testate N.ri nel periodo Tiratura media Diffusione media Resa Totale vendita Vendita canali prev. disp. di legge Abbon. pagati Totale pagata
FATTO QUOTIDIANO (IL) 26 118.479 53.387 65.061 51.715 51.715 1.312 53.027

Salta all’ occhio la mostruosità che ha raggiunto il rapporto vendita/resa: hanno passato da tempo il 50%, ora veleggiano su percentuali imbarazzanti.

La campagna pubblicitaria pro-abbonamenti è fallita miseramente: se il mese scorso avevano aggiunto 30 abbonati, questo mese ne perdono 100.

E alla fine dei conti, il totale pagata perde quasi 2.500 copie: avanti così, ruttando allegramente.

Advertisements

818 thoughts on “Tutto marcio, meno Peppe

  1. Sono parecchio convinto della bontà dell’ analisi di questo articolo:
    http://www.lastampa.it/2013/08/05/economia/cos-america-ed-europa-dicono-addio-alle-fabbriche-c3iTadQ8Wwx3iRuPyM2JLJ/pagina.html
    Purtroppo il corollario (che Moretti affronterà nel prossimo) è che servirebbe buona istruzione e ricerca, due settori nei quali siamo indietro da anni, non ci sono soldi, e non li reinventi dalla sera alla mattina: morale, siamo destinati ad un progressivo declino, costante e probabilmente senza fine.

  2. L’esultanza per la condanna di Berlusconi che ha dominato la scena politica senza quasi mai essere battuto alle elezioni è la ciliegina dell’ipocrisia italiana.

    Dopo la condanna ho fatto silenzio perché questa persona HA INCULATO per i CONTRO o DOMINATO PER I PRO l’italia per circa 20 anni .

    Quindi GENIO ASSOLUTO pro e contro.
    Ora spero nasca una formazione civile senza pregiudicati cazzari condonati che urlano e non si confrontano e propongo SOLUZIONI realiste e non CAZZATE TOTALI!

    P.s. Bisogna capire perché il PDL viene votato ed ha ancora tanti elettori. E non demonizzare gli elettori perché se no si fa il gioco del Grullo.

  3. Che poi Ringo Scanzi, con appena quattro righe messe in croce, è capace di abbattere l’intera produzione annuale de le “Donne Di Fatto”, portandosi dietro i più retrivi, volgari e beceri lettori travagliati.
    Si potrebbe definire un genio del male, se non fosse che i suoi exploit sono in realtà del tutto involontari.

  4. Sarebbe stato senz’altro cosa più dignitosa per l’Italia e per gli italiani se Berlusconi fosse stato mandato a casa dalla politica, ma guardiamo il “possibile” bicchiere mezzo pieno… se la politica (sia i rappresentati che i votanti) ha fatto schifo.. almeno FORSE la magistratura ha retto… forse perché ancora non si sa come andrà a finire con Napolitano.

    La sinistra italiana, fatta da specialisti della politica, alla luce dei fatti e col senno di poi, ha dimostrato di non aver capito niente della politica, non ha saputo interpretare la realtà nuova dopo la caduta del muro di Berlino e tangentopoli, ha sottovalutato il berlusconismo, ad esclusione di Prodi, ha dimostrato insipienza e dabbenaggine, perdendo l’unica vera occasione storica per arginare e sconfiggere il Berlusconismo, durante il primo governo Prodi. Non hanno capito niente a cominciare dall’ineffabile e raffinato diseur da salotto, Bertinotti dico, per non parlare dell’intelligentissimo, troppo intelligente, D’Alema, non hanno capito niente perché se no non avrebbero fatto cadere il PRIMO governo Prodi, che era l’unico a poter fare qualcosa e attaccare di petto nel suo doppiopetto Berlusconi. Caduto il primo Prodi, non c’è più storia, la via è completamente spianata, il secondo Prodi è una parentesi triste e col destino segnato.

    Per me grande è stata la delusione per la tenuta democratica di questo nostro paese… i nostri politici educati da cinquant’anni di costituzione ed enfasi democratica, non sono stati in grado di arginare la crisi all’indomani della caduta di Berlino. Tutto là comincia. Nei paesi dell’est succede il terremoto. In Occidente, in Italia, il paese che per alcuni versi nella seconda metà del Novecento ha praticato un certo socialismo, anche se guidata da un partito interclassista come la DC, in Italia ripeto succede un quasi terremoto, tangentopoli e la fine di dei partiti. In questa situazione è venuta clamorosamente meno la capacita democratica di gestire questa crisi sia nella classe politica che nella società. Nel caos e nel vuoto creatosi specialmente nei settori moderai e conservatori irrompe il personaggio Berlusconi. Non perché sia politicamente un personaggio straordinario, anzi politicamente io l’ho sempre ritenuto mediocre e mi pare che lo abbia pure dimostrato. Non è lui straordinario, sono le circostanze storiche straordinarie. Nei momenti di crisi grave, se non c’è una società democraticamente matura, vengono fuori gli avventurieri, i personaggi senza scrupoli, che riempiono il vuoto e tendono naturalmente ad una concezione personale del potere. Berlusconi non aveva abilità politiche, ma aveva altre qualità, era senza scrupoli ricco, potente dal punto di vista mediatico, furbo ecc.

    Quindi, nonostante tutta la retorica del dopoguerra, la Costituzione, i valori e la partecipazione democratica, l’Italia si è dimostrata molto fragile, se è bastato soltanto un uomo, ricco, potente e spregiudicato per fare scricchiolare le precedenti strutture ed imbarcarsi in un’avventura che sarebbe stata molto rischiosa, se non ci fossimo trovati in Europa. Secondo me, difatti, il contrappeso democratico a Berlusconi e al berlusconismo non è e non è stato rappresentato dalla cosiddetta opposizione democratica italiana, ma dall’Europa. Ricordatevi che se non ci fossimo trovati vincolati dalla comunità europea, questo homo ridens ci avrebbe portato diritti diritti a diventare una Repubblica delle banane di tipo sudamericano.

  5. Pur non guardando quasi più la televisione mi chiedevo come mai nei dibattiti delle varie trasmissioni ci fossero praticamente sempre gli stessi opinionisti tuttologi e da qualche tempo a questa parte Scanzi fosse diventato una specie di prezzemolo onnipresente. Ebbene la cosa è organizzata in modo scientifico e professionale a quanto pare e c’è un agenzia che se ne occupa, la VisVerbi.
    “Una scuderia per i giornalisti star dei talk show. Nomi di punta: Scanzi, Facci, Lucarelli. Frequenti a ospitate incrociate….C’è però chi insiste nel parlare di cooptazioni nell’ingresso in agenzia, e soprattutto di contratti per le ospitate con clausole che prevederebbero l’acquisto a pacchetto dei giornalisti-star….Per andare sul sicuro la VisVerbi ha puntato sulla trasversalità dell’opinionismo, mostrando di non avere gusti difficili almeno per quanto riguarda gli orientamenti politici dei suoi giornalisti. Se poi ci scappano gustose querelle alla Scanzi-Facci tanto di guadagnato: i personaggi coinvolti aumentano la propria fama e anche i compensi in un sistema in cui la chiacchiera ormai è business, e più è sguaiata meglio è”.
    Quel pagliaccio è pure pagato per andare in tv a dire pinzillacchere.
    http://www.lettera43.it/stili-vita/visverbi-l-agenzia-degli-opinionisti-tra-carta-e-televisione_43675104357.htm

    • Antonio mi hai fregato 😦
      Sono 3 settimane che voglio scrivere un post sulla faccenda, perchè c’è anche altro, sia da ridere che da pensarci su.
      E’ che non ho tempo (anche poca voglia, onestamente), ma l’ ultimo Ringo mi ha stuzzicato.

      p.s. ho letto l’ articolo e di ciò che ho notato non c’è traccia, e la cosa è quantomeno curiosa.
      nemmeno della splendida cazzata c’è traccia 😀
      a questo punto dovrei scriverne, ma fa caldo 😦

  6. Er sor Travaglio oggi ci spiega che b. potrebbe anche andare in galera. Facendo però una magra figura dal punto di vista della legge e beccandosi l’accusa di Belpietro di voler imbeccare i giudici.
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/08/04/berlusconi-puo-finire-in-carcere/676376/

    La lenzuolata odierna del nostro, infatti, omette di dire che in base alla legge 199/2010 (art. 1 c. 3) qualora la pena detentiva da eseguire sia inferiore a 18 mesi la Procura ne sospende l’esecutività (quella di Milano lo ha appunto fatto) e trasmette gli atti al Tribunale di Sorveglianza perchè disponga lche la stessa venga eseguita presso il domicilio

    • Non capisco saresti d’accordo con Polillo? Francamente non si capisce nemmeno dove vuole andare a parare, esordisce con la paraculata del “le sentenze non si commentano” salvo poi eseguire piroette incredibili pur di gettare ombre sulla senteza. Trovo molto sensate invece alcune risposte dei lettori in fondo all’articolo da cui si evince inoltre la credibilità che riscuote questo ex-nulla della politica.

      Uno in particolare evidenzia un concetto su cui anche io ho avuto modo di riflettere e per via del facile paragone con Al Capone sembra essere sfuggito un po’ a tutti: il reato contestato è FRODE fiscale e non la sola evasione.

      • segnalare per una discussione non significa essere necessariamente d’accordo ma si tratta di un pezzo che fa riflettere se la citazione legislativa e’ giusta… non comprendo la differenza tra frode ed evasione se il reato poi si sostanza nell’unica azione di sottrarre (ingiustamente) del denaro all’erario. Se da un punto di vista generale Berlusconi merita questo ed altro in uno stato di diritto una condanna del genere resta ingiusta (ma, ripeto, non sono un esperto tale da giudicare il pezzo di Polillo). Se fosse vero, il motivo della condanna sarebbe tutto nell’attivismo politico di Ghedini, quella specie di Capezzone con la toga che io ho sempre considero non all’altezza del compito assegnatogli. Non lo so… si dice che in democrazia bisogna tollerare anche l’integralismo islamico anche se in fondo tenta di sovvertire l’ordine democratico stesso ecco perche’ considererei ingiusta la condanna di Berlusconi se la tesi di Polillo fosse vera. Il berlusconismo ed il conseguente travaglismo hanno avvelenato l’Italia ed e difficile talvolta esaminare le questioni freddamente.

        • peraltro leggiucchiando qua e la in rete non sembra esserci differenza fra frode ed evasione ma esiste tra frode fiscale (o evasione) ed elusione.fiscale

        • No, un attimo. Vediamo di mettere le cose in chiaro: se la magistratura in TRE gradi di giudizio ha confermato la colpevolezza di Berlusconi e dunque una determinata pena evidentemente di ingiusto non c’è un bel niente. Il travaglismo che tu citi nasce semplicemente come riflesso di un eccesso di garantismo, il discorso è sempre lo stesso, antiberlusconismo e berlusconismo è un principio che si ripete. La differenza tra frode ed evasione c’è, perchè se io gonfio le spese della mia azienda privata per evadere il fisco sull’IVA è un conto, se lo faccio con una società quotata in borsa non solo l’ammontare dell’evaso (e il danno per l’erario) sarà maggiore al di là di tutti i conticini di Polillo che sostiene un principio di proporzionalità che non sta nè in cielo nè in terra, ma in più sto TRUFFANDO tutti quelli che comprano o vendono le azioni di quella società. Inoltre Berlusconi è accusato di aver creato fondi neri con questo illecito, fondi utilizzati in seguito per un altro illecito (tangenti mondadori) che è stato precedentemente prescritto.

          Detto francamente mi sembra assurdo che un italiano sano di mente pensi che Berlusconi sia una persona giudiziariamente perseguitata o ingiustamente condannata, con questo non è mia intenzione offenderti caro Francesco, dico solo che in vent’anni Berlusconi ha usufruito di un vasto numero di leggi ad personam che entravano a piedi uniti sui suoi processi IN CORSO, questa è la vera vergogna, e pensare che sia una vittima della giustizia fa ridere i polli.

          • Io non vivo piu’ in Italia da due anni ed aspiro a non essere piu’ italiano quindi puo’ ben immaginare il livello di fastidio che ho accumulato verso l’Italia degli ultimi 20 anni… non sempre dico esplicitamente che la mia scelta di andare via ha motivazioni di tipo ideologico. Anyway… sono d’accordo con te che Berlusconi le abbia fatto grosse ma non gli e’ stato impedito sul piano politico e rispondere ponendo rimedio su quello giudiziario non e’ il massimo per una democrazia che vorrebbe dirsi compiuta. Berlusconi ha fatto danni ENORMI all’Italia pero’ era compito della politica fermarlo, ripeto, e non della magistratura (peraltro tardivamente). Comunque lo ha fatto, nei libri di storia si leggera’ inevitabilmente il paragone con Al Capone, paragone che avviene tra una societa’ europea del 2013 con quella americana ma di cent’anni prima… che ritengo non fosse il massimo rigurdo a diritto. Riguardo la distinzione tra frode ed evasione l’unica cosa che puo’ rendere diversi i reati sono due distinti articoli del Codice penale con due distinte ipotesi e due diverse misure sanzionatorie senno’ stiamo a zero. Io onestamente non so se esistano due diversi articoli se ci sono, qualcuno di buon cuore li indichi. Io sono stato un fan di Travaglio e per due anni un abbonato del Fatto (in versione digitale)… il fenomeno Travaglio secondo me non nasce da un eccesso di garantismo, semplicemente il Fatto e’ andato a riempire il vuoto lasciato da riviste come il Borghese (e ancor prima come l’Uomo Qualunque). La borghesia in Italia si e’ trasformata ed impoverita (come in molte altre parti del mondo) e giocoforza si e’ trasformata l’ideologia borghese che pero’ ha mantenuto dei tratti caratteristici come il rifiuto dell’integrazione degli stranieri, il rifiuto di ogni amnistia o misura migliorativa delle condizioni carcerarie, il protezionismo commerciale. A questi temi si saldano poi i temi cari di alcune frange della estrema sinistra parlamentare ormai fuori dalla rappresentanza politica. Insomma Travaglio non nasce a causa dell’eccesso di garantismo, Travaglio e’ un reazionario, portavoce di una nuova borghesia proletarizzata. Per concludere, mentre sono pragmaticamente soddisfatto della prima azzoppatura presa da Berlusconi, mi lasciano perplesso le modalita’ SE risultasse vero quanto scrive Politi. Converrai con me che sarebbe stato meglio un Berlusconi fermato chesso’ 10 anni fa per via politica che un Berlusconi fermato solo oggi da un organo giudiziario… colpevole anche Grillo, cosa sta facendo la politica oggi in Italia per fermare la crisi? Ritieni sano per uno Stato democratico che debba essere la Magistratura a togliere le castagne dal fuoco alla politica? A me, visto da lontano, sembra strano.

            Per finire metto un link a questa vignetta gia’ segnalata dai Caproni.

            http://www.francescocosta.net/2010/04/29/berijatravaglio/

            a me ha fatto ridere e mi ha fatto riflettere.

  7. Nuova marchetta del FQ al Pizza sindaco di Parma che spaccia per sua una ordinanza del precedente sindaco, di cui non viene nemmeno specificato lo schieramento politico(PDL),contro il degrado.
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/08/03/parma-a-5-stelle-di-pizzarotti-ordinanza-contro-bivacco-e-movida/675280/

    http://parma.repubblica.it/dettaglio/Vignali:-tolleranza-zero-su-lucciole-disco-e-accattoni/1512334?edizione=EdRegionale

    Inutile ricordare le precedenti gesta del Pizza
    Parma è uno dei comuni più inquinati e anche uno dei più cementificati(parole dette prima di diventare sindaco)
    Le misure utilizzate per ridurre il debito del comune sono le stesse del Governo Monti:aumento delle imposte comunali e tagliato servizi e investimenti.
    Lacrime e sangue, il classico salasso.
    L’uomo che dopo aver ricevuto la consulenza,gratuita, di Loretta Napoleoni, ha deciso di emettere un bando da 700.000€ “per la ricerca di un consulente internazionale”…
    Qualcuno vuole continuare?

    • Da questo punto di vista, per la prima volta nella mia vita posso capire Pizzarotti. Dopo aver visto che aggratis al più poteva avere la laureata in scienze politiche Bugietta Millantoni, si sarà spaventato e gli sarà venuta voglia di stanziare almeno un milioncino di euro per avere qualcuno competente.

  8. addirittura guerra civile. hanno dato il compito a quello piu’ imbecille e la hanno esplicitamente messa sul tavolo. io purtroppo cambiamenti ne vedo ed in peggio. ora mi pare che gli unici a non parlare di rivolte siano il PD e Scelta Civica.

  9. Leggendo l’ ultimo parto letterario di Ringo Scanzi, si ha la netta impressione che sia prossimo a svelarsi per quello che è davvero.
    Già averlo definito parto non è casuale, in quanto, non essendo lui donna, si intuisce da dove possa essere uscito, ma son dettagli.

    Ma iniziamo dal principio e dalla fine.
    Titolo: “Sentenza Berlusconi, ecco perché in tanti “esultano””
    Finale: “Vamos”
    Ora, o il titolista ha problemi con le persone plurali, oppure Ringo preferisce restare sull’ ambiguo: inizia con un loro e finisce con un noi.
    Al pricipio non gli piace immischiarsi coi giubilanti, ne tiene distanza, però poi nel finale, forse per la nota propensione al bere, si accomuna ai brindisi.
    D’ altronde l’ etilismo è nota malattia da cui non è semplice uscire.

    Che ami picchiare sul PD è cosa nota, da tempo tira la volata per Peppe e guro sventuro, solo che stavolta oltre al solito Renzi ci infila anche De Gregori, reo di avere detto ciò in una recente intervista di Cazzullo sul Corriere:
    Ringrazio Dio che non si sia fatto un governo con Grillo e magari un referendum per uscire dall’euro.”
    E ancora:
    Ho trovato inquietante la campagna di Grillo, il suo modo di essere e di porsi, il rifiuto del confronto, le adunate oceaniche. Condivido i tagli ai costi della politica e la richiesta di moralizzazione che viene da molti e che Grillo ha saputo ben intercettare. Molti elettori e molti eletti del M5S sono sicuramente persone degne e capaci di fare politica. Ma questa idea della Rete come palingenesi e istituzione iperdemocratica mi ricorda i romanzi di Urania.”
    Ehh no caro Francesco, dichiarazioni del genere Ringo te le fa pagare, stanne certo.

    Il ferramenta Scanzi prosegue poi per punti, una sorta di compitino per spiegare ai suoi fan più beoti perchè è giusto brindare. Solo che ci infila una discreta serie di cialtronate varie, tipiche del suo stile gggiovane.
    1. La semplificazione massima, il minimo comune multiplo, il ragionamentino per menti ottuse. Che Ringo sia all’ oscuro di come funzionano le transazioni internazionali è plausibile, non ci si meraviglierebbe.
    Penso invece che mantenere un profilo minimalista, su una faccenda più complessa e che trova parecchie analogie con quanto si sa benissimo da sempre su altre realtà (ad esempio Finmeccanica), sia voluto e ben più redditizio: sa a chi si rivolge (uligani acefalici), sa che non capirebbero.
    2. Tutto vero, tranne “(le amicizie coi vecchi boss della mafia fingo di dimenticarle. In fondo son buono)”.
    Sa qualcosa che non sappiamo? Ce ne parli, caro Ringo.
    3. Probabile, ma adesso, proprio adesso, è meglio? Perchè oggi i servi del pdl, proni al volere del loro padrone, obbediscono all’ ordine “scatenate l’ inferno”.
    Per Ringo vale forse il detto “tanto peggio, tanto meglio”?
    Probabile, se tiri la volata a quel pezzente che a sua volta auspica lo scontro in piazza.
    Lo stesso che, guarda caso, ha mandato al governo il banana, il quale, se condannato come forza non di governo ma d’opposizione, non se lo sarebbe cacato nessuno e oggi sì che sarebbe davvero finito.
    4. Nemmeno io ho alcun rispetto per il banana, ma ne ho ancora meno per i cialtroni prezzolati, i leccaculo senza vergogna che si spacciano per “giornalisti liberi”: liberi dopo 5 litri di colluttorio, forse.
    A qualcuno fischiano le orecchie ferramentate?
    5. Degno di Ringo il finale da ignorante storico.
    Kapò? Ma che cazzo scrive? Sa chi erano i kapò? Ne dubito, ma magari gli piaceva provare a fare il figo con un termine poco noto (riportato in auge proprio dal banana), di quelli che piacciono all’ uligano medio, il suo target. Solo che è una cazzata colossale.
    Perchè lui è figo, lo scrisse nelle note biografiche, poi si dev’ essere vergognato.
    Ma vada pure a “festeggiare” allegramente, tanto con la testa che ha l’ alcool non fa danni.

    D’ altronde cosa c’era d’ aspettarsi da un laureato in canzonette?
    Vamos e gne gne, ecco, appunto.

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/08/02/sentenza-berlusconi-ecco-perche-in-tanti-esultano/674846/

    p.s. avevo lasciato un commentino innocente, una roba tipo “ritengo che Gomez dovrebbe aprire per Scanzi la categoria “Aliti Pesanti”, e me l’ hanno censurato.
    a me non sembrava particolarmente irriguardoso, ma sbagliai: lui può dare del fagiolo borlotto a De Gragori, a Scanzi invece, anche solo “alito pesante” lo irrita.
    magari due gne gne e un vamos passavano.

    • E prosegue, l’ indomito Ringo, anche oggi.

      Presenti tutti o quasi i grandi classici da scribacchino gggiovane gne gne son figo (Re Giorgio, leccaculata al m3s, un baciotto anche a Niki, veleno a piene mani per il PD…), alcune gemme vanno però sottolineate:

      – “Pertini avrebbe sobriamente risposto sfanculando gli “estensori” di una tale proposta
      Sandro Pertini, lo dico alla corrente S.Pertini, E’ MORTO! (cit.)
      E far dire a un morto quel che ti pare e piace, è il tipico esercizio da cialtrone del Tossico, nel quale Crapa Pelada istruisce come impiegare la tecnica di dar voce ai morti ai giornalari novizi, tipo Ringo, il Pipi e compagnia cantante.

      – “Prolungando l’agonia del paese e regalando una nuova tonnellata di voti alla cosiddetta “antipolitica”, che ritenevano già morta e sepolta dopo le ultime amministrative.”
      Qui parla contro i suoi interessi, perchè secondo lui arriverebbero voti al m3s, il suo partito: basta credergli.
      Poichè aveva previsto un arretramento del m3s alle politiche e una valanga di voti alle amministrative, i vaticini di Ringo valgono quelli di Otelma, forse meno.

      Eppure è abbastanza risaputo che col caldo bisogna moderare l’ alcool…

  10. Fatemi sapere che senso aveva quel riferimento alla riforma della giustizia di Napolitano, quale necessità c’era di parlarne in quel contesto? Se l’interpretazione è quella che ne vuol dare il centrodestra allora vuol dire che hanno in mano qualcosa che può ricattare Napolitano, spero di no… vediamo come agirà e reagirà Napolitano..e vediamo se eventualmente comincia il gossip alla Boffo o alla Fini dei giornali del pregiudicato Berlusconi.

    • e’ sembrato quasi un tentativo di prevenire le reazioni scomposte del principe e dei suoi pretoriani. Napolitano avrebbe dovuto prevedere che a nulla sarebbe servito se non ad alimentare ipotesi di salvezza o complotto… forse il silenzio in quel momento sarebbe stato piu’ opportuno.

  11. Secondo voi i Giudici di Cassazione avevano presente il recentissimo decreto (dicembre 2012) che porterebbe all’automatica interdizione di Berlusconi? Secondo me no.

  12. Repubblica scrive che resta comunque interdetto per almeno sei anni grazie ad un automatismo introdotto per decreto nel 2012…

    In base all’art.1 del decreto legislativo 31 dicembre 2012, varato dal governo Monti, non possono, infatti, essere candidati e non possono comunque ricoprire la carica di deputato e di senatore “coloro che hanno riportato condanne definitive a pene superiori a due anni di reclusione, per delitti non colposi, consumati o tentati, per i quali sia prevista la pena della reclusione non inferiore nel massimo a quattro anni”

    questo spiega la pressione che sta montando dal suo entourage. per fortuna sono passati gli anni in cui andavano di moda i golpe perche’ la situazione si fa complicata. secondo me e’ incazzato nero e nemmeno i suoi avvocati a mio avviso avevano presente questo devastante effetto collaterale. Personalmente se da un lato ne sono felice dall’altro sono un po preoccupato sia dalle reazioni scomposte dei suoi pretoriani sia dal fatto che il Ministero dell’Interno sia in mano ad una sua pedina. Mi auguro che nel PD ci sia ancora qualcuno che ha fatto scuola quadri nel vecchio PCI… oltre il Presidente Napolitano, s’intende.

  13. Il leader del PDL viene condannato in via definitiva a quattro anni
    per evasione fiscale – si leggono certi giornali e sembra, dai commenti,
    che sia stato condannato il leader del PD – tutti si affrettano a chiedersi:
    cosa farà il PD – il PD faccia attenzione alle lacerazioni – il PD rischia –
    momento difficile per il PD – il PD rischia di esplodere – curioso….

    • qualcuno forse vuole rimarcare il fatto che condanne da outlet (venite, venite, siore e ssiori: pochi indizi e un magistrato non pulitissimo bastano, condanna in terzo grado garantita!!!) come queste potranno presto riguardare pure il pd, da lì le questioni rivolte ai pdemocratici…

  14. La mia lettura è semplice e lineare . In questi anni c’è stata molta indignazione per linguaggi e problemi giudiziari ok? Ora abbiamo il leader di un movimento pregiudicato condonato (evasore eh) diffamatore e non mi dite che un omicidio colposo plurimo può accadere a tutti perché è la balla degli adepti. Ora questo pagliaccio ( comico ok?) parla di Morti ( senza un minimo pudore su i tre morti veri causati veramente) non si confronta ( quante notizie sul fatto che Berlusconi non si confrontava?) entra a parlare con il Pdr ( PREGIUDICATO E NON ELETTO) usa un linguaggio cafone e schifoso con epiteti fisici ok? Non mi dite neanche la cazzata dell’alternativa Pd e M5s non voluta dal Pd che vi lascio mille fatti concreti che il pregiudicato due ( Grillo) non voleva anzi insultava chi voleva questo. Il Pd è una formazione nuova nata nel 2007 con l’80% di deputati e Senatori nuovi, quindi il rinnovamento interno e la critica interna esiste. Nel movimento del pregiudicato non esiste sta cosa anzi vengono espulsi chi critica il cazzaro. E tralascio tutte le balle propinate da questo pagliaccio:

    L’aids non esiste, la mafia non strangola al massimo ti fa pagare il pizzo al 10%, nano particelle e biowashball etc. che se era Berlusconi veniva linciato sistematicamente dai suoi leccatori (del Grullo) i in primis Travaglio diffamatore prescritto nel penale ( che sarebbe spuntata un bel PREGIUDICATO in un articolo come piace a lui tranne per il Grullo).
    Ora a me non piace questo linguaggio perché un pregiudicato che ha scontato la sua pena ha diritto al reinserimento ma lo uso perché è il modus operante del Grullo Gesù e del Travaglio amico del pregiudicato e di Tonino u trattorista che si fregava i soldi pubblici con bilanci firmata da lui e sua moglie. Ora solo questo fa si che il Pd è superiore almeno oggettivamente agli altri due partiti (secondo la loro logica) avendo come capi due pregiudicati e anzi il secondo Grillo si permette di entrare in Parlamento senza nemmeno essere eletto.

    Mi smentite questi fatti?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s