Lo stillicidio

L’ emorragia di lettori prosegue, poco alla volta, la ferita pare insanabile. I sogni di gloria editoriale ormai sono un tenue ricordo di un passato che temo non ritornerà.

Ancora un mese in arretramento, lento ma inesorabile, per le vendite del Fatto Quotidiano. Sinceramente mi ha un po’ stupito, perchè a gennaio si era in piena campagna elettorale, periodo nel quale presumo si abbia una maggior richiesta d’ informazione.

Invece nemmeno le elezioni hanno giovato al giornaletto di Travaglio, decisamente superato da Il Tirreno (59.961 tot. pagata) e L’ Unione Sarda (50.298). Questi dati saranno un duro colpo per l’ autostima del Vicedirettore col ciuffetto cotonato, ma sono l’ amara realtà.

Dati medi mensili stimati dichiarati dall’editore ad ADS

  • Dati Mensili Stimati Dicembre 2012 | Quotidiani e Settimanali
Testate N.ri nel periodo Tiratura media Diffusione media Resa Totale vendita Vendita canali prev. disp. di legge Abbon. pagati Totale pagata
FATTO QUOTIDIANO (IL) 26 102.444  49.640  52.392  47.555  47.555  1.663  49.218
  • Dati Mensili Stimati Gennaio 2013 | Quotidiani e Settimanali
Testate N.ri nel periodo Tiratura media Diffusione media Resa Totale vendita Vendita canali prev. disp. di legge Abbon. pagati Totale pagata
FATTO QUOTIDIANO (IL) 26  100.727  49.054  51.657  47.154  47.154  1.540  48.694

Altri 100 abbonamenti in meno, cala un po’ tutto, almeno anche la resa. L’ appoggio smaccato al caravanserraglio di Ingroia non ha dato i frutti sperati, nemmeno a Ingroia. Si poteva sperare nei grillini, in fin dei conti si erano spesi molto a loro favore, dedicando un intero presunto giornalista – Ringo Scanzi – allo scopo, invece neanche loro comprano.

Inizio a capire come mai adesso Travaglio s’è messo a cantare…

Advertisements

184 thoughts on “Lo stillicidio

  1. I miei due cent. Una decina di giorni fa mi e’ capitato di ascoltare un commento sulle elezioni italiane su una radio libera di NY (WNYC). La vittoria dei cinque stelle veniva senza dubbio inserita in una generale avanzata dell’estrema destra in Europa ed addirittura si faceva il parallelo con Alba Dorata in Grecia. In fondo e’ lo stesso Grillo che con le sue chiacchiere ha spesso accostato M5S ed Alba Dorata… o Casa Pound. Onestamente al momento ho pensato che forse il commento era eccessivamente orientato a sinistra (la radio e’ molto liberal). Ma dopo le uscite della capogruppo e dello stesso Grillo devo ricredermi. Il commento era calzante, purtroppo. Peraltro in questo clima pesante non vengono pensieri positivi. Le elezioni a breve sono possibili ma non auspicabili. Spero per il bene dell’Italia che Berlusconi si ritiri definitivamente per seri motivi di salute (senza rimanerci altrimenti si presenta l’effetto Berlinguer di cui beneficio’ il PCI alle europee) mentre Grillo vedra’ automaticamente (secondo me) diminuire i suoi consensi. Questo non e’ un blog di anime belle per cui mi perdonerete il passaggio sulla salute del Banana ma meglio lui allettato che 50 milioni di italiani al capezzale della democrazia parlamentare.

  2. Punto 5 del Programma M5S:
    ” Insegnamento della Costituzione ed esame obbligatorio per ogni rappresentante pubblico”

    I Senatori che hanno votato nel rispetto dellart. 67 non hanno fatto altro che attuare il programma del M5S. Se un regolamento è in contrasto con la Costituzione prevale quest’ultima. Quindi la regola di votare compatti è sia anticostituzionale sia contro il programma del M5S e del suo statuto registrato nel dicembre 2012.
    Il Megafono è in conflitto con se stesso, dovrebbe prenderne atto e abbassare il volume. Aiutatelo.

  3. Arrampicata sugli specchi?
    Indecente?
    Senza vergogna?

    Quando non sa più cosa dire, quella testa lucida di Crapa Pelada prova a fare del torbido, sperando di farla franca.
    Sulla vicenda Del Turco scrive ciò:

    “…nessun perito, nemmeno della difesa, ha mai sostenuto che le foto siano false o taroccate.”
    Cioè le foto sono vere, ma non si vede niente, non si riconosce nessuno: questo però non lo dice, non gli conviene al pezzente sedicente giornalista.
    “La sfasatura delle date dipende dal mancato reset della macchina fotografica”
    😀 😀 😀 😀 😀
    Frase priva di senso, fuffa purissima.
    “Saranno comunque i giudici a decidere se credere alla memoria dell’ aggeggio [da macchina fotografica con memoria delle date in cui avvengono gli scatti, passa ad aggeggio: per tentare di squalificare un oggetto non gli riesce niente di meglio al presunto giornalista, noto portatore di sfiga] o a quella di Angelini, moglie, autista e segretarie che guardacaso coincide con i numerosi incontri di Angelini a casa Del Turco.”
    In altre parole, un oggetto che per sua natura non può mentire, è un aggeggio non resettato (?) e quindi menzognero, gli altri invece, tutti della stessa parte e che forniscono le stesse date, sono sinceri. Tipo il Cianciarone e i suoi papelli, l’ amico suo e di Fofò, il trombato dei due mari?
    Infine chiude da par suo:
    “Così, se viene assolto, era un complotto. E, se viene condannato, è un complotto.”
    Per lui invece è colpevole a prescindere: ma che li fanno a fare i processi?
    Basta telefonare a Marcolina, dopo le 20, discreta, elegante, no perditempo.

    http://www.ecostampa.com/Servizi/RasClienti/imgrsnew.asp?numart=1U5Q0J&annart=2013&numpag=1&tipcod=0&tipimm=1&defimm=0&tipnav=1&isjpg=S&small=N&usekey=B1RT8KE56N5JU&video=0

    • scrive queste ” esemplari parole”, anche per prendere tempo e metabolizzare quanto successo ieri alle Camere – sta pensando a un articolo fetecchia col quale ci infomerà che: “…..comunque Bersani e il PD hanno PERSO ! ”
      p.s. Renzo, profitto dell’occasione, per segnalare che il ” filosofo” Cacciari ha sentenziato che il PD doveva lasciare almeno una Presidenza al M5S – è lo stesso che proponeva Albertini sindaco di Milano al posto di G.Pisapia, e veniva eletto Sindaco di Venezia, nel 2005, anche coi voti della destra….
      Cacciari, D’Arcais, che filosofi…!!!!!

    • Le foto sono vere e non sono taroccate, su questo ha ragione. Semplicemente sono foto vere e non taroccate che raffigurano altre persone e sono state scattate in tempi e luoghi diversi. Marcolino ha una logica di ferro.

    • Bisognerebbe conoscere meglio i dettagli di quelle foto.
      Travaglio dice che la fotocamera è stata resettata, ma quando si fa una operazione del genere la data sulla foto è sbagliata in partenza, invece del 2007 risulterà una data precedente, il 2001 ad esempio, o l’anno di produzione della macchina fotografica, non risulterà mai una data successiva.
      Se quelle foto risultavano del 2007 dalle caratteristiche del file, e se sono state scattate nel 2006, l’unica operazione che spiega un errore simile è una manomissione della data. E sarebbe del tutto plausibile una manomissione operata nel 2006, di solito i problemi aziendali non arrivano dalla sera alla mattina, come anche le leggi che modificano le convenzioni delle aziende cliniche.
      Ma ripeto, per prima cosa bisognerebbe sapere come si era giunti a datare le foto al 2007.

      • Aspetta, mettiamo in chiaro alcune cose.
        Da quanto si è letto, nelle foto non si riconosce nessuno (come persona), tanto che hanno provato a farci delle analisi antropometriche.
        Si riconoscono invece i luoghi, a quanto ne so, ma non significa molto: vado domani a fotografare Montecitorio e dico che lì ho dato dei soldi a… bohh, qualcuno. Vale come prova di qualcosa?
        Crapa Pelada dice il contrario sulla macchina fotografica, cioè NON è stata resettata (?), ma quello che conta è che le foto, presentate come “pistola fumante” “prova regina”, sono precedenti di un anno a ciò che hanno raccontato i testimoni, stranamente tutti del “gruppo” Angelini.
        L’ avvocato difensore di Del Turco li avrebbe incastrati, perchè ha PRIMA domandato della data delle foto, poi ha presentato la perizia che li sbugiarda, e su quella sia la procura che la difesa di Angelini sono crollate.
        E’ evidente che se le cose stanno così, tutto l’ impianto accusatorio inizia a fare acqua.
        Poi, la procura di Chieti ha invece trovato (e subito) il tesoretto di Angelini, quello che Pescara non ha mai cercato, troppo impegnati a fare le rogatorie per trovare quello di Del Turco, che invece non s’è mai trovato.

        E’ chiaro che il Tossico, da sempre colpevolista, sia in difficoltà, e la frasetta finale del sedicente giornalista ne è la prova: colpevole sempre e comunque, inutile fare i processi.

        • Errore mio riguardo al reset.
          L’avvocato Caiazza è uno bravo, lo ascolto ogni tanto al sabato mattina su radio radicale mentre vado al lavoro.
          L’articolo di Travaglio è sostanzialmente un copia-incolla di un vecchio articolo, ve l’ho detto che è il re del copia-incolla.
          In passato avevo commentato un articolo di Achille Saletti ricordando quello che scriveva Travaglio a proposito del tenente Carmelo Canale.

          “L’operazione, sulla scia della fiction di Canale 5, prosegue con gli
          strascichi della sentenza di primo grado sul tenente Carmelo Canale, già
          al fianco di Borsellino, accusato di collusioni mafiose e assolto dal
          tribunale. L’assoluzione ha subito fatto gridare al complotto, come
          peraltro sarebbe accaduto in caso di condanna: se l’imputato eccellente
          viene assolto, è la prova che c’era un complotto; se viene condannato, è
          la prova che c’è un complotto.”

          E’ uguale. I clienti del Fatto pagano per leggere sempre lo stesso articolo.
          Non stupisce che abbia (avuto) successo, anche zelig è fondato sul tormentone e fa (faceva? esiste ancora?) ascolti importanti.

          Caso strano, anche nel caso del tenente Canale c’era di mezzo Del Turco, qui l’articolo completo:
          http://cerca.unita.it/ARCHIVE/xml/140000/139520.xml?key=marco+travaglio&first=1811&orderby=1

        • Aggiungo che la datazione di alcune foto è stata dedotta dalla foto stessa, per cui non c’è nulla da resettare! Ovvero: le foto hanno una numerazione progressiva (come in tutte le fotocamere digitali) e su quella scheda ci sono foto che precedono, e foto che seguono, quelle incriminate. Beh, semplicemente, prima delle foto delle “tangenti” c’è n’è una in cui una persona legge un giornale del giugno 2006, e dopo una che, sulla base dello stato di alcuni lavori in corso che vi si vedono, è databile novembre 2007. E i giornali e i lavori non si possono manomettere…

    • Signori, abbiamo un “guardacaso” per tentare di orientare i lettori. Si sperava anche in un “alla chetichella”, sarà per la prossima. Citofoniamola.

  4. Figura di merda spaziale di Peter Gomez.
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/03/16/presidenti-delle-camere-qualcosa-sta-cambiando/533019/#disqus_thread
    Ieri ha scritto un editoriale tutto eccitato per esaltare la grande democrazia interna del M5S, testimoniata dalla discussione franca che hanno avuto al Senato e dalla decisione di votare liberamente per il Presidente. Questo, secondo il buon Gomez, dimostra che il M5S non è una setta, ma un cenacolo di uomini liberi.
    Ahahahah: manco il tempo di postarlo che è arrivata la scomunica di Grillo, che intima ai suoi senatori di rendere palese il voto e, nel caso in cui avessero votato Grasso, di dimettersi.
    In fondo all’articolo, trovate la pietosa rettifica di Gomez, che nulla può, però, per attenuare la puzza del merdone in cui si è tuffato a pesce.

    • Questo articolo è davvero un’ ottima occasione per farsi due risate 😀
      Fa anche un po’ tenerezza, soprattutto perchè “loro” hanno sempre capito tutto prima, “loro” sono bravi liberi e così intelligenti.
      Prima
      “Tra queste anche quella, esemplarmente riassunta da Silvio Berlusconi, secondo la quale il Movimento 5 Stelle (percepito da un terzo degli elettori come il maggior rappresentante della spinta verso il rinnovamento) è “una setta come Scientology”. No, quel Movimento (che legittimamente può piacere o non piacere) non è una setta e nemmeno un partito teleguidato da Beppe Grillo. Lo dimostra proprio la spaccatura nell’assemblea degli eletti al Senato tra chi voleva votare scheda bianca e chi voleva opporsi al rischio Schifani. Idee e teste diverse si sono confrontate e alla fine una dozzina di senatori M5S hanno votato per Grasso.”
      Dopo
      “Nella tarda serata di sabato Grillo, dopo aver ricordato una norma del non statuto, ha invitato chi ha votato in maniera diversa da quanto stabilito dalla maggioranza della loro assemblea a uscire dall’anonimato e a trarre le dovute conclusioni (cioè ad andarsene). Ha il regolamento dalla sua parte. E chiedere ai senatori di rendere palese il loro voto ha un senso.”

    • Un inutile giornalista che vive da sempre nell’ombra del vicedirettore.
      Chissà se il direttore riuscirà in questi giorni, a rivendere ancora la bufala che il suo giornale segue come unica linea editoriale la Costituzione e non l’illustre statuto della Grillo family.

      • Dai 7000 commenti al minipost del clan dei casaleggesi:

        “…ma quanti altri si rebbero incazzati di brutto se sarebbe stato eletto Schifani?” avrebbi stati peggio
        “…ora tutti i lupi ci possono sbranare e sputtanare grazio a 13 furbi su 95 coglioni?” attenti al lupo, cantava Dalla, ed era molto avanti
        “su “la cosa”, invece della riunione in streaming,avete mandato un documentario sulla riproduzione degli elefanti marini….” e me lo sono pure perso 😦
        “Per me è molto grave se un mio dipendente,invece di fare quello che gli chiedo,mi fa un altra cosa,vuol dire che si incomincia ad incrinare una fiducia.Poi che lui mi racconta mille scuse,a me non me ne frega niente,il giusto e che Molinari ed altri non hanno fatto il loro dovere,perciò andrebberò avvisati alla prox ve ne andate,forse il grande Beppe ci vede lungo,quando dice che alcuni ci tradiranno,Climi e co. siete li per fare i ns interessi non i tuoi,mettendoti in bocca la parola democrazia,è parola conclamata da altri partiti.CAPITO MI HAI!!!” capito ti ho
        “Espelliamo tutti …a quelli che hanno applaudito la Boldrini?” è il domandone di oggi
        “una cosa sola, se le cose sono così la prossima volta voto pd così non ci saranno problemi.” con cose così, votiamo piddì
        “Dimettersi subito per una cazzata fatta sarebbe il miglior modo per far capire per bene che loro son li dar parola ai cittadini….” capire è un conto, per bene è tutt’ altra faccenda
        “Il punto non è prefirire Grasso a Schifani o viceverso,credo che ciascuno di noi abbi da dire tanto o niente a queste persone.” non trovo il punto, ma continuo a cercare…
        “Chi disattende la propria sottoscrizione senza essere costretti da alcuno, è un VILE prima per se e poi per gli altri .” parrebbe viltà per conto terzi
        “…sento aria di fascismo..attenti cittadini eletti…” sì, e qui è anche fresca, cielo coperto
        “Chi ha votato Grasso al dovere di dirlo,…” Grasso al dovere e Peppe alla giustizia: oplà, due ministeri son già a posto
        “C’é l’Italia, quella buona, che muore mentre altri si devertono in questioni di voto si voto no, oggi non voto, domani mi astengo, voto me etc.
        Se avessi fatto il mio lavoro di medico come iL Movimento vuole fare con la moribonda Italia ne avrei uccisi non pochi.” questo è un medico da schivare
        “Nel MU di TS la posizione è “voto segreto sulle persone”. linguaggio da iniziati: nel CR di FR preferiamo la posizione del missionario
        “Forse perché sanno di essere andati CONTRO le idee del movimento??? E si nascondono come TOPI!!!” un po’ di formaggio e li scoviamo
        “grillini, non mi fate incazzare!!!!!!!! Usate la testa. Ok ?” finalmente s’è capito chi comanda nel m4s: salvatore chessa, bologna

        E provengono solo dalla prima pagina: Paolo Becchi sarà soddisfatto, sono tanti bei commenti favorevoli.
        http://www.beppegrillo.it/2013/03/trasparenza_e_v.html#comments

        • Da sbellicarsi!! 😀 😀
          Basta leggere questi commenti per chiarirsi bene le idee sul mondo umano dentro e intorno a Grillolandia.
          E tra l’altro, adesso capisco anche perché hanno bisogno di crearsi laurea e master falsi. 🙂

        • ed hai pescato tra i più “tenui”, perchè ieri poco dopo la pubblicazione del post c’era della roba da rabbrividire (che pian piano è scivolata indietro nelle pagine)

          Ps. Vi seguo da qualche giorno, mi state simpatici, come tutte le voci fuori dai cori (da stadio, ormai)

          Massimiliano

  5. Alcune tipologie di commentatori grilletti, sul noto sito, appena concluse le elezioni dei Presidenti delle Camere:
    1 – quelli della serie ” la volpe e l’uva ”
    “…ma tanto queste cariche non contano un cazzo !..”
    2 – i minacciosi:
    ” si, ma per la formazione del Governo non faremo accordi, capitooooooo !!! ??? ”
    3 – i millantatori: ( in sintonia coi primi articoli sul FQ…)
    ” il merito delle candidature e dell’elezione di Grasso e Boldrini è merito dei ragazzi M5S”
    4 – i matematici, scuola Fibonacci:
    ” come può un partito che ha preso il 25% dei voti del 75% degli aventi diritto al voto
    prendersi ambedue le Camere ? ”
    5 – estemporaneo:
    ” Grillo for President ” ( lecita domanda.. de che ? )
    6 – l’ insistente, o il ritorno di quello de ” la volpe e l’uva” ( ne ha postato decine simili)
    ” al di la del prestigio, queste cariche non contano nulla…”
    7 – Torquemada coniugato Robespierre:
    ” sono dei giuda i senatori del M5S che hanno votato Grasso, buttiamoli fuori !! ”
    8 – quello ” che ha capito tutto ” ma che è anche un po’… babbeo:
    ” Il Fatto Quotidiano è in quota PD….”
    Basta e avanza, ma ce ne sarebbero ancora molti …- b.domenica a tutti gli amici

  6. E’ scattato il blocco delle rassegne stampa di camera e senato come preannunciato qualche tempo fa. Decisione odiosa.
    Altre rassegne ancora disponibili di cui sono a conoscenza sono quelle Rai
    http://www.ufficiostampa.rai.it/rassegnastampa.aspx?go=1

    quella del ministero della difesa
    http://www.difesa.it/Sala_Stampa/rassegna_stampa_online/Pagine/default.aspx

    e quella del Gruppo Falck, principalmente notizie economiche ma non solo
    http://www.selpressmm.com/32525/esr_p1.asp

    Poi c’è Funize con le prime pagine.

    Sapete eventualmente di altre rassegne disponibili?

  7. Questo minipost mi sembra interessante
    http://www.beppegrillo.it/2013/03/trasparenza_e_v/index.html

    Già la prima parte è irricevibile, incostituzionale, leninista (M.Ainis)
    Ma è la chiusa nella quale prelude a epurazioni coatte che incuriosisce
    “Se qualcuno si fosse sottratto a questo obbligo ha mentito agli elettori, spero ne tragga le dovute conseguenze.”

    p.s. carini al Giornale, pubblicano la storia dei papi: incluso anche il loro papi?

    • sono da prevedersi quindi espulsioni degli ” apostati ” che hanno votato per Piero Grasso ? l’ira del Presidente ( come da atto notarile) M5S si manifesterà in tutta la sua virulenza ? vedremo promettenti carriere parlamentari stroncate già sul nascere ?

    • Almeno risulta ancora più palese quale sia questa ‘democrazia diretta’ che tanto millantano.
      Diretta è diretta senz’altro, da Grillo e il suo mentore dal pollice verde.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s