Le tour de Franc

Archiviato il Giro d’ Italia, si attende ora la Grande Boucle, la corsa in giallo, la più importante gara ciclistica a tappe del mondo. Molti ciclisti non hanno partecipato al nostrano Giro proprio per prepararsi al meglio, lontani da occhi indiscreti. Uno però è stato sorpreso dalle telecamere poco tempo fa, forse in una pausa di allenamento, e proprio di questo voglio scrivere.

Il sito Dagospia riporta un mirabile intervento del più grande giornalista del mondo, Marco Travaglio appunto, tratto da Chi (forse la prossima testata nella quale sbarcherà, nel gossip ha il suo futuro) il quale si produce in un’ attenta analisi sull’ atteggiamento della scorta ad Anna Finocchiaro durante la spesa all’ Ikea. Scrive fra l’ altro questo gran bel pezzo di giornalista: “Il problema è che l’immagine dimostra l’inutilità della scorta...” e ancora “Non so perché questa signora abbia la scorta, così come non so perché ce l’abbia ogni genere di politico, perché ce l’abbiano anche i giornalisti, bisognerebbe dare un taglio a queste scorte che, richieste o subite, saranno il frutto di una risposta a una minaccia, anche se penso che, in questo momento, le peggiori minacce ai politici arrivino proprio dagli elettori. La scorta non ce l’hanno magistrati in servizio, figurarsi chi lo ha fatto negli Anni 80. Può darsi che la Finocchiaro abbia subito minacce gravissime e segrete o che ci sia qualche informativa che la indica come bersaglio a rischio, ma, se così fosse, non mi pare che l’atteggiamento degli uomini di scorta sia di grande allerta”.

Tenete bene a mente queste parole, torneranno utili in seguito.

Il servizio di scorta viene assegnato dal Ministero dell’ Interno, il quale istruisce una pratica, nella quale convergono tutti gli elementi utili per valutare la necessità di assegnarla. Nel fascicolo d’ istruttoria sono inclusi vari pareri, prove evidenti di minacce, valutazioni dei magistrati, nel caso si tratti di collaboratori di giustizia, ecc.. ecc… Questo è quanto ho appreso leggendo nel tempo vari resoconti ed ha una validità logica comprensibile e condivisibile. Se qualcuno che legge ha altri esempi o contributi è sempre ben accetto.

I criteri poi per approvarla o meno dipendono forse da una commissione, non ne so abbastanza da riferirvi con certezza, ma ad ogni modo, se ci affidiamo ad un minimo di buon senso, servono elementi sui quali basare le decisione, elementi che devono dimostrare la reale necessità della scorta, e che inoltre vanno verificati ciclicamente per vedere se continuano ad esserci i presupposti di rischio per la persona protetta.

Le ragioni di tutto ciò sono prima di tutto dovute ai costi molto elevati per il servizio di scorta: gli agenti assegnati sono persone che devono essere sempre pronte per proteggere la persona affidata, quindi sono necessari turni, ci sono da pagare le trasferte, gli straordinari… ecc.. ecc… E tutti questi costi li paghiamo noi, non dimentichiamocelo! Approfitto però dell’ occasione per tributare il mio piccolo ma sentito ringraziamento a tutti i Poliziotti e Carabinieri che compongono le scorte. Troppo spesso i loro nomi e le loro storie sono dimenticate, oscurate da quelle della persona che proteggevano. A tutti loro va il mio grazie!

Palermo, 29 Aprile 2012, Piazza Croci: Beppe Grillo aveva appena terminato il suo comizio durante la recente campagna elettorale per le amministrative, quando una delle tante telecamere presenti, inquadrando la folla, si imbatte in un volto noto: Massimo Ciancimino. Ma che ci fa lì Massimuccio nostro? Beh, stava facendo un giro in bici e si è fermato ad ascoltare Grillo, lo spettacolo è gratis.

Il kit del piccolo bombarolo, tratto da LiveSicilia

A questo punto ho un sussulto: ma non era quello che riceveva proiettili ogni mese? Non era quello al quale hanno lasciato una pistola nell’ androne di casa? Non era quello che ha ricevuto un pacco con decine di candelotti di dinamite, corredate di micce e detonatori? (fiammiferi e batterie non incluse, tenere fuori dalla portata dei bambini, l’ immagine è puramente indicativa del contenuto, il prodotto può devastare laghi fiumi mari e soprattutto cose e gente) Insomma, non era quello che con le sue rivelazioni stava debellando la mafia e la politica collusa coi mafiosi, l’ icona dell’ antimafia, così tanto a rischio che sia a lui che alla sua famiglia è stato assegnato (poi giustamente revocato) il servizio di scorta?

Accipicchia! Ma dev’ essere un pazzo suicida a girare in bici per Palermo, a meno che non abbia una bici blindata.  (hmmm… no, mi sa che non le hanno ancora inventate).

Eppure Travaglio ci ha fatto credere che costui stesse rivelando cose talmente importanti che forse non solo la mafia aveva interesse a farlo tacere. Era anche il peggior nemico dei poteri forti collusi coi mafiosi, e dalle sue rivelazioni la casta politica sarebbe crollata sotto il peso delle responsabilità dirette nelle stragi (di Stato, ovviamente), o quello delle mazzette per gli appalti fra politici e mafiosi (anche se con un mazzettaro vero Travaglio ci ha fatto società), insomma con Massimino si svuotava il vaso di Pandora e nulla sarebbe stato più come prima. Per questo doveva essere protetto come un bene prezioso, tenuto al sicuro dalla longa manus di tutti quelli che vogliono fargli del male, e a lui la scorta era non solo dovuta, ma sacrosanta! E chissà se c’è anche una relazione della Procura di Palermo nel fascicolo d’ istruttoria per assegnare la scorta a Ciancimino, e se c’è quali sono le motivazioni e le firme in calce, ahh saperlo e magari leggerla…

Invece, dopo anni di audizioni pressoché inutili, politici e mafiosi probabilmente continuano a fare affari, e forse Massimino ha ancora a disposizione un bel gruzzoletto, difficilmente frutto del suo sudore, molto più probabile sia l’ eredità di suo padre, il mafioso Vito Ciancimino, quello del sacco di Palermo.

Adesso, se non lo avete tenuto a mente, rileggete il pezzo di Travaglio sulla scorta della Finocchiaro, poi rammentatevi di quante baggianate ci ha raccontato negli anni su Ciancimino, infine tirate le conclusioni. Fatto? Sbagliato!

Massimino era in missione per Palermo in cerca del misterioso Sig. Franco, e se vi siete dimenticati del titolo del post mica è colpa mia 😀

Cliccando sulla foto si va all’ articolo del Corriere del mezzogiorno sul ritrovamento dell’ esplosivo a casa del compagno di serate di Travaglio.

p.s. il video di Ciancimino al comizio di Grillo purtroppo non lo riesco a ritrovare, se qualcuno che legge ha il link, farebbe cosa gradita a segnalarlo nei commenti. Questo è quanto ho trovato del servizio di RaiNews: http://www.youtube.com/watch?v=xcIFUXsNY10

Advertisements

287 thoughts on “Le tour de Franc

  1. Sui “poteri forti” si può scrivere anche altro, partendo dallo stesso spunto, ma è “flebuccio” e scrive sul “pompiere”, giornalismo d’altri tempi.
    Peccato che la concomitanza sia ingenerosa per Travaglio, il suo “pezzo” fa vomitare in paragone.
    Ma oggi bisogna azzannare, usare toni forti e allusioni indecenti, gli uligani sono figli del bunga-bunga e se non gli dai carne da azzannare non si placa la sete di vendetta, o forse è il solo cibo di cui nutrirli.
    Semmai vien da chiedersi se siano più figli del banana o di Travaglio, anche se in ogni caso pater semper incertus.
    La madre? Quella dei cretini ovviamente, perchè com’è noto, mater semper certa est.
    http://www.corriere.it/editoriali/12_giugno_10/de-bortoli-poteri-forti-classe-dirigente_8b7c6c56-b2c2-11e1-8b75-00f6d7ee22cc.shtml

    p.s. l’ ho appena inserito uguaglio-uguaglio sul Tossico, vediamo se approvano e quando.

    • E’ l’ ospitata di cui scrivevo ieri, fa un po’ pena.
      Ad esempio, non sapendo con cosa prendersela, ha scritto un articolo sul “poteri forti” detto da Monti, prendendosi giustamente parecchi commenti negativi e disgustati: quando non sa di cosa scrivere, cade nel ridicolo, perchè ligio al dovere montanelliano di essere contro, si attacca al nulla cosmico.
      Solo che è anche falso, visto che si dimentica di quando invece è stato propositivo sul suo giornaletto: in pratica fa come il banana, proclama solenni verità fasulle dimenticandosi di cosa ha scritto ieri, contando sulla scarsa memoria generale e il sostegno acefalo degli uligani.
      Secondo il mio modestissimo parere, sta cadendo sempre più in basso.

      p.s. visto che secondo lui il giornalista dev’essere sempre contro, spero vada contro a un uscio chiuso, magari sbattendo la zucca rinsavisce 😀

  2. Ovviamente non parla a nome del movimento del comico genovese. E` stato frainteso, ha detto quello per dire altro e le sue dichiarazioni vengono strumentalizzate dai troll del PD.

  3. oggi avevo scritto due commenti sul fattaccio quotidiano, uno in merito all’articolo su pizzarotti e uno sul blog di mascia. il secondo, quello relativo a mascia è stato pubblicato, quello su pizzarotti, benchè scritto prima no. forse perchè avevo scritto “dilettanti allo sbaraglio”? evidentemente la nuova linea editoriale del fattaccio non prevede critiche al m5s!

  4. Il Fatto Quotidiano ormai è gestito da troll piddini 😦
    Mi hanno censurato brutalmente questo messaggio:


    A tutti i troll piddini: il grandissimo Pizzarotti, il miglior sindaco d’Europa riconosciuto come tale anche dal New York Times, ha appena nominato due nuovi assessori.
    I nomi sono di elevatissimo prestigio internazionale.
    —-
    Cristiano Casa, uno dei papabili per il Nobel all’Economia.
    Dal 1996, svolge il ruolo di responsabile commerciale divisione astucci – marketing e vendite Italia della ditta Tecnoform srl di Colorno, specializzata in produzione packaging e lavorazione di materie plastiche.
    —-
    Gabriele Folli, personaggio conosciuto in tutto il mondo per le sue abnomri capacità politiche e amministrative.
    Dal 1989 ha lavorato nel settore delle macchine per l’imballaggio, dal 1993 ricopre il ruolo di Responsabile Marketing e Comunicazione della ditta Ocme Srl, specializzata nella produzione di impianti e macchine per l’imbottigliamento, il confezionamento e la palettizzazione (produzione di sistemi meccanici per la gestione e lo stoccaggio dei prodotti alimentari)
    —-

    Mortadella Prodi e Pollo Coccodè Bersani sono due scemotti incapaci, presi in giro giustamente da tutto il mondo, mentre la squadra di Governo di Beppe è straordinaria, bellissima, fa venire la pelle d’oca tanto sono bravi, prestigiosi, di enorme caratura politica.
    Lo stesso Obama non avrebbe trovato nomi migliori per governare gli Stati Uniti.

    Una squadra così la invidiano in tutto il mondo, e il merito è di Beppe e Marco, nonché dei lettori e abbonati del Fatto Quotidiano, che grazie al loro contributo sostengono Beppe e i suoi ragazzi a 5 stelle!

    Parma capitale del mondo grazie a Beppe!

    Caro Renzo, e cari amici, protesto vibratamente contro questa censura ai danni di Beppe!
    Forse il moVimento di Beppe da’ fastidio anche ai vari Santoro, Padellaro, ecc.?
    E Marco è informato di questo epidsodio di censura ai danni del grandissimo Beppe?
    La moderatrice è amica di Cicciobombo Telese?
    O forse hanno paura degli hacker?

    • Hai posto i quesiti del prossimo lustro, ma vedrai che Beppone (maschera per il prossimo carnevale) non la farà passare liscia, altro che l’ attacco degli anonimi.
      Travaglio, nel frattempo, viene invitato ormai ovunque, peccato che rimembrando Satyricon (con tanto di immagini) non ne approfitti per emendare la disinformazione che fece: ma ormai son balle passate, le nuove incalzano.

      • Secondo me la redazione è invidiosa di quei commenti che segnalano le nomine di Folli e Casa mentre l’articolo non dice nulla di utile 🙂

    • Azz… non sapevo che il super-capo-troll piddino Andrea Perdenti, agli ordini del capo supremo (no)brain67 e di quel fottuto del detestato Detestor, giustamente bannato dal mondo civile, scrivesse sul tuo blog.

      Il tuo blog parla di censure del Fatto e io ho scritto una censura che ho subito perché era a favore di Beppe.
      Secondo me è grave, e Travaglio andrebbe informato!
      Non si puo’ tollerare che i moderatori siano al soldo dei troll del PD=PDL!

      • Ragazzi, siete dei geni. Io non ci riuscirei mai, stando serio. Ma come cavolo fate?
        😀 😀 😀

      • Andrea Persi, prego. Almeno le forme verbali rispettiamole 🙂

        Piuttosto ti sei accorto della mirabile combinazione? Fra le dozzine di currcula scrutinati Pizzarotti è andato a pescare quello di uno che fa parte della Gestione Corretta Rifiuti e Risorse di Parma (Folli) e uno che nel 2010 appoggiava il m5s alle regionali (Casa)

        Cavolo che coincidenzona.

  5. mah ho mandato 2 commenti all’ennesimo articolo su Pizzarotti e dopo un ora non li hanno pubblicati e sono in in attesa di moderazione. Cosi come ho l’impressione che non abbiano pubblicato quello dove dico che Vendola è stato denunciato per diffamazione dal sindsco di Prato Cenni., in quanto Vendola gli avrebbe dato del “bancarottiere”

    • Geniali come sempre. hanno cancellato il mio in cui paragonavo il post ad un cinegiornale dell’Istutito luce e lasciano tranquillamente le vagonate di insulti dei soliti noti rivolti agli altri utenti.

    • Io ho aspettato 2 ore che un commento sull’articolo sull’attacco al blog di Grillo passasse la moderazione, ora e’ semplicemente scomparso. In piu’, non sono piu’ in grado di postare commenti, la finestra di caricamento dei commenti non e’ mai disponibile….Non so se sia un problema di Disqus o cosa, fatto sta che vedo sempre la pagina in caricamento, ma non la carica mai. Bah!!

  6. ecco questo è il commento che ha scritto un certo Marco:
    “Con tutto il rispetto Takahashi…..vaffanculo.
    detto questo cercate di perdere il vostro tempo ad attaccare i siti dei partiti di merda invece di
    farvi pubblicita con il sito di gente onesta.
    buffoni”

    perchè le parolacce non sono state censurate? eh certo ai grillini tutto è concesso.
    Io lo segnalo.

  7. VOTA IL SONDAGGIO DEGLI ANONYMOUS
    http://anon-news.blogspot.it/
    AnonOps è una rete completamente autogestita il suo fine è mettere a disposizione di ognuno gli strumenti di protesta informatica, nessun utente può garantire del comportamento dell’altro, ognuno ha diritto a sviluppare liberamente il propio dissenso, purchè non sia manifestamente discriminatorio verso religione, etnie, orientamenti sessuali etc… etc…
    Riguardo al recente attacco al blog di Beppe Grillo questo non crea discriminazione alcuna verso minoranze o altro quindi è un’azione che può essere rivendicata dà anonymous e come tutte le azioni di anonymous è sostenuta da alcuni ma non da tutti. Aken
    L’attacco di oggi è stato effettuato da una cellula AnonOps, server irc in cui si riuniscono vari coordinatori. Una cellula specializzata in botnet ha utilizzato i mezzi a sua disposizione per oscurare il sito beppegrillo.it Il blog anon-news.blogspot.com e’ amministrato da molti coordinatori, ognuno ha potere di postare cio’ che ritiene importante, informando in tempo, se e’ possibile, le altre cellule o coordinatori AnonOps. Ricordiamo che AnonOps non e’ Anonymous, ma una rete dove gli Anonymous si organizzano e comunicano da svariati anni. I 700+ commenti e il resto dei commenti sono stati cancellati per ovvi motivi: cancellando i post anche i commenti vengono cancellati. La cellula operante e’ stata momentaneamente esclusa dall’amministrazione del blog, fino a quando l’intera comunita’ (quindi anche chi ha commentato i post dell’attacco) potra’ decidere la legittimita’ dell’attacco con un sondaggio. Mendax

    • Se può voptare chiunque dubito che chi ha attaccato il blog abbia una speranza.

      I grillini che da ieri sera gridano al complotto fascista andranno in massa a votare contro gli autori 🙂

  8. In fondo anche Anonymus è un po’ un movimento a 5 stelle. nato e diffuso sul web, con una struttura orizzontale e difficile da controllare. Il fatto però che non abbiano un guru di riferimento rende molto più difficile dargli una razionale e univoca condotta. Ognuno fa un po’ come gli pare, il che non sarebbe in se un male, ma è chiaro che a questo punto chiunque sia capace di fare certe cose può definirsi un Anonymus.

  9. Coem pensierino della buonanotte invito tutti a confrontare i commenti odierni dei grillini (che sono un tipo di persone diverso dai simpatizzanti del m5s) sull’odierno post dedicato ad anonymus (dove gli hacher vengonod efiniti dei fascisti) con quelli dedicati ai post precedenti (come questo http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/02/22/anonymous-italia-oscura-sito-della-binetti-miss-padania-lancia-fuck-politicians/193018/) dove vengono definiti degli eroi.

    Brutta cosa il tifo

  10. Da @anonitaly (Twitter ufficiale degli Anonymous Italiani):
    – L’attacco a beppegrillo.it da parte di qualche “Anonymous” Italiano va contro le regole del buon senso che c’erano all’inizio.
    Mai attaccare nessun media o blog, perchè l’informazione deve essere libera e plurale. Quello che avete fatto è disonore per quelli che sono stati arrestati durante le operazioni di questa estate, complimenti per aver rovinato la nostra reputazione come gruppo. Indimenticabile il periodo in cui gli Anonymous Italiani erano persone serie che facevano attivismo non per mostrare se stessi. Preghiamo quindi i media, a nome di tutti gli Anonymous che credono in certi valori di non fare pubblicità a questo attacco –

  11. Ma quanto sono incapaci al Tossico?
    Questo è ciò che appare alla fine dell’ articolo sull’ attacco al blog di Grillo.
    attacco grillo
    Il sistema automatico per i link a contenuti analoghi al tema, riprende pari-pari il link che ha messo qui Andrea Persi, solo che se si clicca, si torna sullo stesso articolo.
    In pratica han fatto la cazzatona e non la riescono nemmeno a nascondere 😀
    Che tristess.

    p.s. chissà quanto ci mettono ad accorgersene?

    • Alt!
      Andrea guarda il link che hai scritto, poi cliccalo e osserva il NUOVO titolo che compare nell’ URL del Tossico: sono i soliti cazzoni!

      • Ah si lo avevo notato. Beh dare ad intendere che l’attacco sia anche contro il m5s serve a sollevare lo sdegno grillino.

        Peraltro se vai a vedere l’articolo esordisce subito mentendo in dubbio che il blog dove si trova il comunicato sia effettivamente di anonymus

      • Ma era diverso il titolo, no ?
        Comunque sono davvero disperato per la chiusura temporanea del blog del comicone genovese ;(
        Indubbiamente si è perso una cura contro il cancro.

  12. Sempre a proposito di Grillo, guardate anche qui cosa ho trovato: http://www.iltribuno.com/rubriche/rassegnaStampa.php?id=3068

    Se il futuro della politica e` rappresentato da un gruppuscolo politico guidato dall’alto da finanzieri che pensano che la politica sia come una partita a “Dungeons & Dragons” stiamo proprio freschi. Ma quand’e` che il popolo italiano la smette con ‘sta storia dell’ “Uomo della provvidenza” che risolve tutti i problemi ed e` quasi come mamma e papa` (e non ci lamentiamo se il resto del mondo ci considera un popolo di vitelloni che senza i genitori non sa neanche lavarsi il c*lo)?

    Vi lascio con questa canzone di Tina Turner (il cui titolo esprime al meglio il mio punto di vista).

  13. Chissà se Travaglio si ricorda di Daniele Luttazzi. E’ quel tale (per quanto possa aver fatto una cazzata madornale con la faccenda dei plagi) a cui deve la sua attuale carriera di “giornalista” strapagato e strafamoso. Luttazzi lo ha letteralmente lanciato a Satyricon, portandolo, da quel nulla che era, ad essere Marco Travaglio.
    Perché dico questo? Perché Luttazzi aveva una sua idea molto precisa sul “fenomeno Grillo”. Io ho cominciato a vederci chiaro proprio leggendo le sue analisi, che si sono rivelate pienamente realizzate e confermate dalla realtà dei fatti.
    Vorrei chiedere a MarcoQuotidiano nostro: “A Travà, Luttazzi te lo ricordi? Di quello che pensava LUI di Grillo, tu che mi dici”?
    Così, tanto per farmi due risate.

    • Beh Travaglio gli ha reso il favore difendedolo fino al ridicolo all’epoca dello scandalo del plagio, e continuando a pubblicizzare il suo dvd anche sul Fatto.
      Su Grillo visto da Luttazzi non sapevo, per curiosità cercherò qualcosa da leggere.

      • Ecco, direi così a Marco nostro: “Senti, lascia perdere la storia del plagio, ché tanto perfino Luttazzi è sparito dalla vergogna. Dimmi piuttosto: del fatto che Grillo gli facesse schifo che ne pensi? Su, Marco, dimmi che ne pensi del fatto che Grillo gli facesse schifo. Perché Grillo a Luttazzi gli faceva schifo”.
        Glielo lascerei nei commenti del Disqus. Però forse mi bannerebbero…

  14. Interessante riascoltare a distanza di poco più di un anno ciò che raccontava Marcolino del Tossico.
    Vabbè, Saturno non è vero che portava più copie, sarebbero dei veri babbei ad averlo chiuso se fosse stato vero, e nemmeno che l’ han chiuso per via dei soldi, quelli c’erano e se li son divisi nel CDA, cioè han fatto come un Tremonti qualsiasi con la cultura, come ha ricordato Chiaberge.
    Forse la cosa più interessante è che conosceva già bene l’ uligano e lo coccolava, lo accudiva giornalmente con i suoi pezzi da cabarettista, pieni di storpiature alla Dagospia, quelle che fan tanto ridere il fan sottoculturato aggressivo, una sorta di coatto de borgata.
    Purtroppo manca la faccia di Travaglio durante la satira a lui dedicata di Pantani a Glob, ma conoscendone la spiccata dote di autoironia, è facile immaginare che si sia divertito di gusto (seee :D)

    • Indovinate quanti decimi di secondo è durato il commento “Come da copione, il boss non si sporca mai le mani. Manda due mediocri manganellatori a fare il lavoro sporco”… 😛

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s