sTrani casi

Talvolta alcune parole mi colpiscono più della notizia in sé, e non c’è una ragione precisa per cui ciò mi accada, inizio anzi a pensare sia una mia patologia. Però talvolta quelle parole mi portano a ragionare sui fatti da un’ angolazione diversa dal solito. La parola che mi ha incuriosito, più che altro perchè parecchie volte è stata nominata in questi mesi, e dalla quale prendo spunto per il titolo del post, è ovviamente Trani.

Trani è un paese sulla costa adriatica pugliese, pochi chilometri a nord di Bari, dove c’è una procura che ultimamente ha fatto parlare parecchio di sè. In casi del genere, il Fatto Quotidiano è il giornale giusto per farsi notare, visto che “Il trombettiere delle procure“, nome più consono di Fatto Quotidiano, è molto disponibile per quelle amiche, specie se giungono sugosi carteggi ancora coperti dal segreto istruttorio. Però alle volte, per puro caso, mere coincidenze, beffardi scherzi della natura e strane dimenticanze, al Fatto Quotidiano non danno notizie che altri invece scrivono, eppure dovrebbe essere proprio il contrario, a sentir loro.

Curiose dimenticanze e fortunose concomitanze

La notizia che è sfuggita ad ottobre 2011 al FQ è che appunto un PM di Trani, Michele Ruggiero, quello del caso Agcom delle intercettazioni banana / Innocenzi / Masi / Minzolini, è finito sotto processo disciplinare dal CSM. Il caso credo lo ricorderete, oppure rileggete un articolo sul FQ sulla vicenda, perchè fu una così palese manovra a scopo elettorale, con scoop fasullo del FQ, più spettacolo di San Toro Martire al Palasport di Bologna, che speravo, prima o poi, avesse un seguito. Rivedere oggi quella trasmissione è interessante, e mi piacerebbe mettere un contatore per quante volte viene detta la parola censura. Pronunciata con quel tocco di ipocrisia da chi la censura la evoca con enfasi per sè, poi però la applica senza tanti problemi agli altri. Perchè censurare Santoro o Travaglio è faccenda gravissima, invece censurare i signor nessuno come il sottoscritto e parecchi di voi, no. Ho il forte sospetto che questi due eroi dell’ informazione italiana la mattina si lavino la faccia col Sidol

Facciamo un passo indietro. Nel 2009 un PM di Trani, Michele Ruggiero, ha per le mani una faccenda seria: i tassi usurai delle carte di credito revolving dell’ American Express. L’ indagine inizia grazie ad un esposto alla procura di Trani da parte di Adusbef e Federconsumatori. Non mi è nota la data esatta in cui iniziano le indagini, però è sicuramente almeno del 2009, come si evince da questo comunicato stampa Adusbef. Il PM durante le indagini, con tanto di intercettazioni telefoniche, si imbatte in Minzolini e da lui passa a Innocenzi e poi Masi, fino a giungere al banana. Tutto in regola, ovviamente, ma trovandosi di fronte a contenuti che prefigurano nuove ipotesi di reato, apre un altro filone d’ indagine, quello che porterà allo scoperto le manovre nascoste del banana su Agcom e RAI per chiudere Annozero e non solo lui.

Sia chiaro, le pressioni del banana per chiudere le trasmissioni a lui avverse sono e restano per me intollerabili, è una faccenda gravissima, così come sono dei lacchè coloro che si sono prestati ad esaudirlo negli anni, ma le date della vicenda aiutano a capire un po’ oltre ciò che indica il dito del saggio, che sarebbe il FQ, come vorrebbero far credere. Perchè guardo sì alla Luna, ma mi casca anche l’ occhio sul dito sporco del cronista taxista, Antonio Massari, l’ eroe di sto par de ciufoli, perchè uno scoop del genere lo fa anche un bimbo: gli han passato tutte le carte, sai che fatica! Ma chi sarà stato a passargliele? Non si saprà forse mai, e aprire un fascicolo dalla procura competente è inutile, come sempre.

Le date di tutta la vicenda sono però molto curiose, perchè escono sul FQ sintesi delle intercettazioni “a partire dal 12 marzo” 2010, e nella chiusa dell’ articolo si legge ciò: “La notizia più interessante, però, è un’altra: il “regime” è stato trascritto. In migliaia di pagine. Trasuda dai brogliacci delle intercettazioni telefoniche.” Poichè Massari non riporta delle trascrizioni virgolettate, ma fa delle sintesi, va da sè che non le avesse in mano solo dal giorno prima, oppure, sempre in tema di fortunissima sfacciata, ha beccato al volo quelle giuste fra le migliaia di brogliacci. A voi la scelta.

Sempre per puro caso, cosa è in programma per la fine del mese di marzo 2010, non ve lo ricordate? La chiamata alle urne per le Regionali, che diamine! Ma le indagini, come avrete letto, sono almeno del 2009: curioso che escano sul FQ 15 giorni prima delle elezioni? E con quelle intercettazioni ci organizzano una serata di spettacolo indignato. La serata era già stata programmata, come sappiamo, visto che c’era già stato il tempo per la questua da 2,5 euro, e forse sapevano pure che Innocenzi aveva detto “prima delle elezioni si chiude“, ma le carte con le intercettazioni sembrano la classica ciliegina sulla torta. Non viene da pensare? E’ tutto incredibilmente casuale o è tutto già pronto in un cassetto da tempo? Infatti, rivedendo Santoro a Bologna, nelle ricostruzioni a fumetti delle conversazioni telefoniche, non più sintesi ma trascrizioni, si parla di puntate precedenti di Annozero, ma nessuno dice quando le carte segrete siano arrivate nelle mani del taxista Massari: si saranno dimenticati? O coprono la fonte, visto che sarebbe roba ancora sotto segreto istruttorio? Pare proprio una curiosa concomitanza: serata anti-bavaglio + intercettazioni ancora fresche + elezioni dopo un paio di giorni = che gran botta di culo! Sempre se qualcuno ci crede…

Chissà se siamo stati noi a fare scuola, magari in Inghilterra hanno notato che ne sortiva un discreto ritorno di vendite, e, forse a causa del loro pragmatismo anglosassone, hanno bypassato la magistratura: le intercettazioni le facevano direttamente i giornalisti di News of the World. Sospetto che a qualche giornale nostrano la cosa piacerebbe assai.

E’ anche per queste ragioni che sono dell’ avviso che le intercettazioni vadano normate meglio di come sono ora, ma non sono nemmeno così rincoglionito da non accorgermi dei problemi che si incontra nel farlo. Le intercettazioni sono fondamentali per le indagini, anche se posso immaginare che qualche magistrato ne disponga in modi impropri. Restano comunque dei gioielli inestimabili per gli inquirenti, ma proprio perchè tali, le fareste normare a dei ladri, cioè i politici? Ogni giorno si scopre un nuovo ladro, è quindi comprensibile che farebbero di tutto per affossarle, come infatti già più volte hanno tentato. Lasciarle invece così come sono ora, in mano ai gioiellieri, abbiamo visto cosa può succedere per puro caso. D’ altronde i gioiellieri fanno pochi scontrini, vivono con redditi da fame, peggio di loro solo i giornalisti-taxisti come Massari e i loro giornali. Non è un caso che siano tutti pronti ad ululare contro il bavaglio, perchè magari perderebbero le anticipazioni fraudolente dalle fonti più succose, ma tanto che gli frega a loro di violare il segreto istruttorio? Mica son stati loro a violarlo, la colpa è di chi gli ha passato le carte.

E quelli, curiosamente, non li scoprono mai.

Secondo round, a favore di telecamera

Il titolone è del 22 dicembre 2010: “L’accusa: aggiotaggio e market abuse. A Trani aperta inchiesta su Moody’s“. Opperbacco, che han combinato?

Elio Lannutti (senatore IDV) e Rosario Trefiletti (cioè Adusbef e Federconsumatori, ancora loro?) presentano un secondo esposto alla procura di Trani (di nuovo a Trani? passavano ancora da lì per caso?), denunciando le agenzie di rating, e i reati ipotizzati sono market abuse, aggiottaggio e abuso di informazioni privilegiate.  Il Procuratore Capo Carlo Maria Capristo, secondo voi, a chi affida le indagini?: “Il procuratore Carlo Maria Capristo ha ritenuto che il caso fosse da valutare e ha affidato il relativo fascicolo a Michele Ruggiero, il sostituto procuratore che stava già indagando sulle «revolving card» di American Express.” E te pareva? Ruggiero parte subito in quarta e indaga a tutto spiano: va Roma alla Consob, poi ci torna per ascoltare Giulio Tremonti e Sacconi, l’ex premier Romano Prodi, l’attuale ministro Passera quando era a capo di Intesa Sanpaolo, il numero uno dell’Abi Mussari e l’allora governatore della Banca d’Italia Mario Draghi, poi vuole esaminare il rapporto di Barack Obama al Dipartimento di Giustizia USA, poi va a Milano da S&P, torna di nuovo a Milano da Fitch e S&P. Era già anche sulla pista di decollo per gli USA, quando il Dipartimento di Giustizia USA gli ha fatto sapere: “venga pure a fare una gita, tanto non vi lasciamo interrogare nessuno, e poi, in fin dei conti, pagate voi [cioè NOI n.d.r. (articolo che suggerisco di leggere)]”. Ruggiero annulla il viaggio, e almeno quelli ce li siamo risparmiati.

Che le agenzie di rating S &P e Moody’s siano sbilanciate a favore degli USA non serve un genio per capirlo. Fitch un po’ meno delle altre, forse perchè di proprietà francese, e infatti curiosamente smentiva l’ imminente declassamento della Francia. Basterebbe però ricordare che Lehman Brothers era ancora “A” il giorno del fallimento per ridimensionarne parecchio l’ attendibilità.

Iscriverle nel registro degli indagati invece fa di sicuro un bel clamore mediatico, ma a cosa serva nessuno lo sa e non credo proprio porterà a qualcosa di concreto. Non mi sembra giusto però che siano indagate solo le agenzie di rating e non “le più alte cariche della politica, della finanza e del sistema bancario [italiano n.d.r.] fossero intervenute a smentire le affermazioni di Moody’s, sostenendo che in Italia non era a rischio la tenuta delle banche“, visto che anche chi le smentisce è in possesso di informazioni privilegiate.

Iscriviamo anche Draghi, Tremonti e tutti coloro che hanno smentito i giudizi delle agenzie di rating nel registro degli indagati, perchè hanno rilasciato anche loro giudizi, e per giunta a mercati ancora aperti: io avevo scommesso sul ribasso delle azioni bancarie, le agenzie di rating mi avevano fatto guadagnare un sacco di soldi; poi arrivano Draghi, Tremonti e tutti quelli che han detto il contrario, e me li han fatti perdere tutti: adesso chi mi rimborsa? Visto poi che il mercato borsistico è globale e che quando è chiuso qui è aperto altrove, che cavolo significa a mercati ancora aperti?

Queste indagini ad elevato effetto mediatico, di cui però non si capisce il senso e a cosa potranno mai portare, mi mettono un po’ di tristezza e qualche dubbio: ma è mai possibile che a Trani non ci sia altro da fare?

Vabbè, tanto li paghiamo noi, trasferte incluse.

Non c’entra niente col post, ma voglio segnalare lo stesso la perfetta e azzeccatissima  citazione in Ausmerzen (Marco Paolini – La7), quando sui titoli di coda hanno lasciato quasi tutto Decades (album Closer) un brano dei Joy Division con la voce lugubre, gotica e spettrale di Ian Curtis. La prima volta mi era sfuggito il nesso.

Advertisements

52 thoughts on “sTrani casi

  1. RENZO il nostro “amico” travaglio piace molto il francese tanto é vero su voglio scendsere ci siamo beccati un paio di volte oggi ho letto il post su bersani e & e ha scritto (TROMPE L’OEIL)
    ora in francese si scrive TROMPER basta andare su un traduttore ma lui é troppo sicuro mi rispose che conosceva molto bene la lingua francese SIC………

  2. io credo che la storia delle scie chimiche sia completamente falsa perche se vera si verificava anche nel 1944 perche ricordo benissimo quando passavano le squadriglie di bombardieri americani a centinaia il cielo spesso diventava come nuvolo dalle scie bianche che lasciavano.
    pero visti i tempi la mano sul fuoco non la metto

  3. RENZO&C non dobbiamo mai dimenticare la sola e unica verita
    “””LA COLPA mori ORFANA perche nessuno la volle”””””*

  4. Vorrei farvi riflettere sui commenti a Giulietto Chiesa.
    Per quanto uno si sforzi di spararle grosse, per quanto uno esageri nel postulare una supermegastronzata, orde di persone ci cascano e lo prendono sul serio.

    La cosa che più mi sconcerta sono quelli che fanno i fighi cercando di smontare le mie tesi assurde, e in ciò dimostrandosi smascheratori razionali di complottisti: manco quelli hanno capito che li si stava prendendo per il culo.

    Ma come siamo ridotti? 😦

    • Ah, perchè non è vera la storia delle scie chimiche?
      A me sembrava vera, anche se avevo qualche piccolo dubbio.

      Comunque alcune risposte serie sono da scompisciarsi 😀

      Mi è venuto un dubbio, serio, su tutti questi articoli su Roma e la neve: qualcuno ha visto Iacona stasera?

  5. eheh! ho letto gli articoli gentilmente proposti dagli amici frequentatori del blog di renzo e devo dire che è una bella lotta per la conquista del premio “puzzer” da parte di questi campioni del giornalismo. certo se chiesa avesse tirato fuori un complottino per spiegare la clamorosa nevicata…

  6. I PM morti di fama sono molto pericolosi per la tenuta dell’ordinamento democratico, più del banana. L’inchiesta sulle agenzie di rating da parte di una Procura incompetente (in tutti i sensi)è una bufala pazzesca, che ci costerà una marea di soldi in consulenze inutili, prima dell’inevitabile archiviazione.

    • D’accordo su tutto, solo sull’ incompetenza territoriale invece possono dichiararsi competenti, perchè penso possa bastare che a Trani ci sia uno che è stato danneggiato dal giudizio di una agenzia di rating.
      E’ un assurdo lo so, ma se non sbaglio dovrebbe funzionare così, o anche che Adusbef o Federconsumatori abbiano un associato a Trani.
      In altre parole, un appiglio si trova per iniziare, se poi però le cose cambiano, allora passa alla procura dove si è commesso il reato più grave: robe all’ itagliana.

      Adesso aspetto solo che Ruggiero chiami a deporre Obama come persona informata dei fatti 😀

      Ciao

  7. Cari Kulpe e Renzo, perchè fermarsi alla Ravera quando ci sono Balocco che sproloquia dell’uomo che perde la sua “naturalezza” perchè si lamenta del fatto che la neve che cade in città crea disagi (creati probabilmente più che dalla neve stessa da persone come lui che, come racconta nell’articolo, tampona il veicolo che lo precede perchè incantato a guardare i fiocchi che scendono) o Pomella che ci parla con signorile disgusto della gente che ieri faceva la fila ai supermercati visto che probabilmente non tutti hanno la colf?

    Nel mio piccolo oltre allo spettacolo indecoroso offerto dal sindaco (che può farcela persino a far rimpaigere Rutelli se continua così) a Roma non ho visto nessuna scena di panico (e anzi ho visto molta allegria e molte scene edificanti di senza tetto che venivano aiutati dai cittadini) ma solo i nromali disagi causati da un evento improvviso in un orario (il primo pomeriggio di un giorno lavorativo) certo delicato per qualunque grande città

    • Azzardo un’ ipotesi: non sanno cosa scrivere e gli esce un po’ quello che i criceti elaborano, e visto che è freddo, pure i criceti non danno il massimo.
      La ravera l’ ho presa in giro facendo l’ asino, ho una predisposizione naturale 😀
      Adesso vado a leggere se qualcuno mi ha preso sul serio, capace che sia pure possibile.

      Ciao

      • Vince Gastaldi per distacco! Colto in flagrante è partito con l’insulto gratuito. I suoi post sulla nevicata a Roma sono semplicemente grandiosi.

      • Per apprezzare davvero gastladi occorre leggere il suo commento al post di Pomella (a cui non ho potuto fare a meno di replicare) che dice “Gran racconto, Andrea! Non avevo dubbi che alcuni romani avrebbero reagito con la sindrome da The Day After. Degni elettori di Alemanno sindaco e delle sue difficoltà fra centimetri e millimetri. ”

        Hai capito? non solo Gastladi accetta come oro colato il racconto di Pomella su un clima da saccheggio che ha visto solo lui ma ti sa pure dire che chi hanno votato i vari sciacalli metropolitani

  8. OT o quasi

    Renzo Ciao..ti ho letto per sbaglio nel sito di P.Guzzanti. Condivido quanto hai scritto, e comprendo anche la tua natura diversa dalla mia, ma credo non serva molto in quel contesto cercare di fare un altro tipo di contraddittorio diverso dal consueto di Infernet , di cui scandagli insieme ad altre truffe impostazioni quelle del FattoQuotidiano.

    Sotto il punto di vista compreso anche nell’ “oggetto sociale” del tuo blog, vi è una relazione fra i due ambienti ( Guzzanti/ Fatto) sebbene pratichino con due sistemi diversi l’ autoregolamentazione ( è un eufemismo) ergo con due strumenti censura distinti ma che portano allo stesso risultato: il controllo.

    Tempo fa quando pur con alcune visioni identiche ed altre giustamente diverse, non ci capivamo sul voglioscendere, vi era “un utente” che sembrava fra gli altri utenti, uguale a tutti gli altri…in realtà come scientificamente svisceravi certi montaggi a posteriori nelle note questioni travagliesche di mafia e berlusconi, devi prendere atto che tutto ( o quasi , ergo le eccezioni integre e lontane dal controllo mentale) è manipolazione e in rete , vista la cecità del mezzo, lo è di più…ergo trucchi con nick e altri strumenti fingendoti come e uguale ad altri utenti, ma in realtà fai polizia controllo del territorio, tanto come in tutta evidenza viene fatto materialmente “tagliando” come le censure che dimostri con i tuoi “salva pagina “….in realtà però il cntrollo migliore lo fai in altro modo, e dovresti esserne diventato esperto, delle relative dinamiche, sia utilizzando una tua squadra di bonifica , sia favorito dai cojoni ( esempi conte mascetti et simili) che si prestano all’appoggio incondizionato facendo però i piacioni con tutti, compresi quelli per primi non proprio cosi incondizionatamente ( imbecilli) da appoggiare ogni cacata sparata di volta in volta dal santone di turno ( travagli vari etc etc)

    E’ cosi anche nel blog di p, guzzanti, che aveva uan sua validità quando e se si fosse limitato a fare il giornalista , con alcuni suoi limiti evidenti visto che filoqualcuno sempre cosi come anti qualcuno sempre , per default, qualsiasi cacata posso combinare il suo pro( che pou specificatamente non è un caso , come per travaglio e antitravaglio, sia sempre e solo un sistema binario usa-israele)….non adotta censura ,ma la minaccia in continuazione in vari modi , senza alcuna reale pratica democratica di contrappesi, in cui lui consapevole in via anticipata che ha gia quel potere rispetto a un nessuno qualsiasi suo commentatore. Minacciare questo potere , equivale ad esercitarlo, ergo identico ai fattiquotidianisti pensiero.

    Inoltre si avvale di uomini fedeli che lo circondando cosi bene da replicare il giorno della marmotta , tanto come nel fattoquotidiano e in tanto altro ancora degli scenari di infernet, in cui tutto ma proprio tutto sia immobile, come le sabbie molto mobili che ti risucchiano in un buco nero di stronzate, sempre le stesse. Altra cosa che è una forma ” altra” di censura perchè a parte non smuovere di una virgola l’orrendo della realtà, consente di non trattare mai certi argomenti.

    in tutto questo “spettacolo” che potrei articolarti ancor meglio, senza nemmno bisogno di prove, senza nemmeno chissa quale attribuzione a questo o quel garnde vecchio, la regia è una sola nel mosaico dei singoli pezzi , episodi o blog che dir si voglia… ed ha ottenuto quanto doveva ottenere.

    un saluto

    ro’

    ps per Claudio…grazie a te!sai che è un mio dovere piacere trasformare per quanto possibile commenti e commentatori in pagine autori di diario

    • Ciao,
      da Guzzanti ho scritto solo per prenderlo un po’ in giro, ed in effetti direi che mi è riuscito benino, a leggere le sue repliche 😀
      Per il resto non leggo molto né lui nè i commenti, cioè, c’ho provato, ma dopo un po’ mi scende l’ abbiocco.

      Ciao

      • …sono passata di là , selezionando tutto ciò che più che abbbiocco 🙂 , sarebbe stato totale tempo perso ( una volta capito a tue spese, che il gioco è truccato, anche naturalmente per solo effetto fans) ….mi aveva solo incuriosito in tuo post precedente qualche accenno sulla questione ” ridicola ” della figlia e che saresti passato da quel blog, che come metodo alla fine non ha nulla di diverso dai fatto quotidianisti. Spalti Italiani. Buona parte di infernet è così , senza senso, rispetto a una minima da parte piu costruttiva, formativa o informativa ergo senza bisogno di ripetere la logica dalle caverne a oggi di sviluppare pensiero su perno travagliesco et simili , amico/nemico che permea le relazioni su “antagonismo” un po’ ovunque …ovviamente travaglio ha datto la mazzata finale nel suo basso contributo idoneo ad attivare tanto nella sua cerchia che nei suoi antagonisti , il suo identico metodo/modo di porsi.

        Un salutone

        r.

        • Le repliche del Guzz a me sono piaciute un sacco, soprattutto gli sms con Sabina.
          Chissà poi perchè glieli ha mandati… mi sfugge il nesso, o forse no 😀

          Ciao

  9. caro renzo, volevo sottolineare un articolo dell’ineffabile lidia ravera, che su questo blog è stata ampiamente segnalata per quello che vale, in cui si parla delle malefatte di alemanno in rapporto alle misure prese contro la eccezionale nevicata che ha colpito roma. in questo articolo, tra le altre perle, si sostiene che una delle misure che andavano prese era la distribuzione da parte del comune di catene a tutti i cittadini. ora io mi chiedo come si possa scrivere una stronzata del genere in un quotidiano che ha scelto pomposamente di chiamarsi “il fatto quotidiano”. se ti vuoi chiamare così allora devi dire le cose come stanno, che la mancanza di senso civico, di preparazione, di abitudine a certi eventi ha comportato un disastro che, per esempio dalle mie parti, con oltre un metro di neve non si è minimamente verificato, e sì che di sale anche da me non se ne è visto e che gli spazzaneve hanno percorso quasi esclusivamente le strade principali e nemmeno in maniera così massiccia come la situazione richiedeva. e invece solo propaganda politica contro un sindaco che, sarà pure quello che è, non lo conosco dal punto di vista amministrativo e non posso giudicare il suo operato, ma non credo abbia fatto meno di quanto avrebbe fatto rutelli, in un quotidiano che si vanta di essere al di sopra delle parti e che dice sempre e solo le cose come stanno.secondo me le lamentele contro alemanno fanno “audience” e quindi un quotidiano che sta avendo dei problemi di vendite e di identità non può non sottrartsi a questo gioco delle parti. ma i fatti e la verità? chissenefrega! anche al fatto …”tengo famiglia”.
    p.s. a quanto pare il ban nei miei confronti non è più attivo, visto che un paio di miei commenti sono stati pubblicati. che abbiano adottato delle misure tipo basket con espulsioni a tempo?

    • Ha ragione la ravera, le catene andavano distribuite a tutti a prescindere, specialmente a chi ha la bicicletta o il motorino 😀
      Ma davvero ha scritto una cazzata del genere? Non ci posso credere.
      Anche in Trentino di solito la neve non crea problemi, e la ragione è quella che hai scritto tu: a Roma è un evento raro, e se si dovesse essere preparatissimi anche per gli eventi rari, non se ne esce più.
      Già non ci sono i soldi per la normale amministrazione, figuriamoci per le calamità imprevedibili o rare.
      Per forza di cose devi fare dei calcoli probabilistici, altrimenti non ne esci.

      Cosa combinano con Disqus è altrettanto imprevedibile 😀

      Ciao

  10. Caro Renzo, ho condivido tutte le tue oneste e fondatissime denunce sulle “sviste giornalistiche”di Travaglio, ma ora però ho da chiederti un favore: fammi sapere qualcosa sui vari Porri Sallusti Feltri Belpietri e via merdando..
    Ciao

    • Ciao Giovanni,
      beh cosa posso dire che non sia già stato detto?
      Feltri e Belpietro sono i fuoriclasse del giornalismo di destra, in un paese decente a Feltri gli darei un TG e lo guarderei pure, sarebbe interessante e spietato con la sinistra.

      Ciao

      p.s. dimenticavo di chiederti una cosa: secondo te non è una buona idea far capire ai bambini fin dall’ asilo che se sono nati poveri è meglio se cominciano ad accettarlo fin da subito e che quelli ricchi, anche se sono assieme a loro, avranno una vita agiata e loro no? A me sembra una buona idea, che ne pensi?

      • Tutto è relativo, intellingenza e stupidità sono concetti relativi, ricchezza e povertà, tempo e spazio eccetera. Se il bambino è un povero spiantato e il ricco che gli sta vicino si prende gioco di lui, beh allora consiglierei al bambino povero di riempirlo in tutti i modi di botte! Comunque il mio indice di sopportabilità delle ingiustizie e dei soprusi è molto basso! Feltri o non Feltri, per me la Destra è un’invenzione recente nel panorama della politica italiana (Berlusconi), la Sinistra aveva radici più antiche con un progetto serio di società, ma ormai anche il suo patrimonio di credibilità è pari a zero, essendoselo giocato al tavolo della corruzione al pari della destra!
        Temo di non aver capito l’IMPLICITO del tuo messaggio!

        • L’ implicito del mio commento è che sono un bastardo 😀
          Perchè non è mia l’affermazione “feltri belpietro fuoriclasse”, ma è di….. 😉

          Così come quel ragionamento sui bimbi è cosa che mi ha fatto incazzare non poco quando l’ ho letta, scritta da un pedagogo cerebroleso di nome Maurizio.

          Seriamente, cosa si può dire di Feltri e Belpietro?
          Braccia rubate all’ agricoltura? Per me sì.

          Ciao

          p.s. al prossimo commento ti metto i link, se no che gusto c’è? 😀

  11. Scusa se vado ot Renzo, ma vorrei chiderti una cosa, dal momento che su questa materia sembri essere un esperto. Stamattina mi sono accorto di una cosa strana. Ho scritto un commento sul sito del Fatto e mi sono accorto che mi sono accreditati un solo commento e 0 like ricevuti, mentre ieri avevo un centinaio in entrambe le categorie: dipenderà dal fatto che uso google per loggarmi o perché ho scritto qualcosa che li ha fatti incazzare?

    • Premetto che non sono un esperto.
      I dati del tuo account dovrebbero essere su Disqus e li carica quando sei loggato: nickname + profile + activity
      Basta che clicchi sull’ avatar e si apre il popup con lo storico dell’ account.
      Prova a vedere da lì, ma non so dirti altro.

      Ciao

  12. RENZO dai che ricuperi il gruppo io come ti dicevo sono un po fuori gioco ma eventualmente ogni tanto posso informarvi di che vento tira qui in francia ,ieri ho scritto due righe sul blog di rosanna e lei ne ha fatto un post, la barzelletta del cavallo qui erano SARKOZY/HOLLANDE
    SPERIAMO solo che non arrivi SKYline scusa ma non lo digerisco
    buona notteeeeeeeeeeeeeeee

  13. colgo l’occasione per salutare anpo, gianni da milano e demmini. sembra quasi una piccola rimpatriata del vecchio forum del fatto quotidiano.
    p.s. caro renzo, ormai il tuo blog raccoglie più commenti di quello di carlo vulpio. mi dispiace per vulpio, che ultimamente ha perso un pochino di smalto, e forse in parte è anche colpa sua, ma sono cntento di vedere che il tuo blog “cresce”.

    • Ciao Kulpe, sono sorpreso pure io della cosa, ed è uno sprone a continuare.
      Anche voi, se volete e potete, contribuite come e quando vi pare, è un piacere leggervi.

      Ciao

  14. Caro Renzo, caro Andrea Persi, caro Gianni da Milano: è un piacere ritrovarvi su questo blog interessante e indispensabile.
    E’ superfluo ricordare, tra di noi, quanto siano falsi e dannosi questi tribuni bufalari, che si sono autoacclamati Paladini della verità e dell’onestà noinché frignoni e vittime della cdensura (quando sono loro i peggiori censori), astuti monetizzatori dell’indignazione un tanto al chilo, ipocriti e falsi sdoganatori di un’orda di poveri coglioni che si sentono “informati” a ripetere le scemenze e gli slogan qualunquisti e superficiali di Grillo, Travaglio e Tunnino.

    Noi quattro siamo stati i primi, in assoluto, a mettere in dubbio le certezze assolute di questi paladini vanitosi e miliardari che si parlano sempre addosso, autoelogiandosi peggio di una Vanna Marchi che spiega la bontà dei suoi strani intrugli.

    Scrivevamo quanto fossero falsi i falsi profeti del “Falso Quotidiano” quando questi erano intoccabili, vere e proprie icone della sinistra (e un giorno Repubblica & co. dovranno riparare il loro errore): criticare Grillo, Travaglio, Santoro equivaleva a insulti, censure, ban, accsue di “trollaggio” o di essere ddirittura pagati da D’Alema=Berlusconi.

    Beh, mi pare che il clima sia cambiato, e cambierà ancora.

    Sempre più individui comprendono il gioco sporco e falso di questi presuntuosi moralisti, sempre pronti a bacchettare questo e quello col loro patetico ditino ammonitore.
    Ogni giorno qualche normodotato si rende conto di cosa siano realmente i Grillo, i Travaglio, i Santoro, i Tonino Di pietro con il loro carico di Scilipoti.

    Certo, al Fatto rimangono i ritardati mentali, tipo i grillini, i tifosi acefali che scambiano Travaglio per una rockstar.
    Ma con i ritardati non si va molto lontano.

    Grazie a tutti, quindi. E grazie di leggere Il Tribuno, che ho realizzato personalmente.

    • Ciao Marco,
      certo che ricordo tutto, peccato che sia su voglioscendere, così come dei primi 2 anni di FQ, abbiano cancellato tutti i commenti.
      Non sapevo che facessi siti, complimenti!

      Purtroppo ne approfitto per dirvi che Segugio e Cronachedallimbecillario, i 2 blog di Enrix, sono scomparsi: Segugio ho fatto in tempo a grabbarlo, cronache no.
      Solo che prima vorrei l’ ok di Enrico per rimeterlo online da qualche parte.

      Ma sei sicuro che Travaglio non sia una rockstar?
      Sarà mica un giornalista? Dai, è una rockstar con tanto di uligani! 😀

      Ciao

      • Caro Marco, grazie a te e al Tribuno per il lavoro che fate. Il problema di fondo purtroppo è che la gente preferisce comprotarsi da uligano come dice Renzo piuttosto che ragionare.

        Tanto per fare un esempio, oggi mi sono andato a riguardare l’ultimo post su Grillo e il commento più votato è quello di un certo Alberto Krebel Hoenigmann (spero per lui che non sia il nome vero) che con ben 188 “mi piace” dal seguente profondo contenuto ” e come al solito le parole di grillo vengono travisate e usate a sproposito…paura del m5s eh?????? :-)” Accidente nemmeno quando avevo 8 anni e discutevo di calcio con i miei amici tifosi di altre squadre arrivavo sti livelli.

        E ad unc erto liber pater che si permette di osservare (prendendo 48 “mi piace”) che “Garantire i diritti civili ai tutti è una questione fondamentale di civiltà. Il senso delle parole di Grillo è inequivocabile e razzista visto che ritiene che la cosa non sia urgente” replica tal Daniele che dall’alto dei suoi 101 “mi piace” sentenzia “spegni la televisione e usa la tua testa. Quello che hai letto è un’estrapolazione di 10 sec su un discorso di 30 min organizzato ad hoc dalle TV di partito per sminuire e creare zizzania nel Movimento 5 Stelle, in un momento in cui si trova al 7% dei consensi. Svegliati e si sveglino tutti! Questi intellettuali di sinistra tipo Lerner dobbiamo mandarli affanculo!!! Grillo ha detto solo che l’opportunità di discutere di quel tema, senz’altro importante, non è prioritario in questo momento. E come non dargli ragione? Secondo te un pensionato con 500 euro al mese, un cassintegrato, un precario, un disoccupato, un operaio che ha perso il lavoro con 2 figli da sfamare (e ce ne sono ormai troppi) può porsi ora il problema della cittadinanza agli immigrati? E’ chiarissimo il motivo puramente di distrarre l’area sensibile della popolazione ma tranquilla che a loro non gliene può fottere di meno! Smettiamola di litigare fra noi, per favore. Non siamo masochisti! Vi prego ragionate, informatevi bene e pensate una, due, dieci volte prima di parlare. Spero di averti convinto, non
        non volevo essere offensivo ne arrogante ma solo mi dispiace che ci facciamo la guerra fra di noi! Via tutta la classe politica attuale!!! Non ci arrenderemo”

        Chiedo a scusa a Renzo per la lunghezza del commento ma, insomma, sono passaggi illuminanti

        volevo essere offensivo ne arrogante ma solo mi dispiace che ci facciamo la guerra fra di noi! Via tutta la classe politica attuale!!! Non ci arrenderemo!

  15. (di nuovo a Trani? passavano ancora da lì per caso?),
    No,non è che passavano di lì.Il motivo è semplice:la prima procura che si è occupata di faccende simili è Trani e dunque la competenza gli spetta di diritto.
    Scusa se te lo faccio notare ma mi fa specie che un ragazzo serio e documentato come te si sia fatto sfuggire questo particolare non proprio irrilevante.

    Ciao.

    • Ti ringrazio per l’ osservazione, ma il motivo non è così semplice, perchè forse non è affatto “casuale” siano passati da Trani e proprio da Ruggiero.
      E non c’è nemmeno alcuna conseguenza di diritto come affermi, perchè non esiste il diritto per il quale se ti sei occupato di “faccende simili” ne hai poi la competenza susseguente.
      Quindi non mi era sfuggito, anche se immagino i tuoi complimenti fossero un filino ironici, lo volevo proprio sottolineare, e infatti l’ hai notato.

      Tra l’altro vai contro il Travaglio pensiero, perchè ammetti la specializzazione dell’ inquirente, cosa che sarebbe più che auspicabile, solo che forse è possibie solo assieme alla separazione delle carriere, e Marcolino di questo proprio non ne vuol sentir parlare: meno male che la giustizia non dipende da lui.
      Quindi, se ne hai voglia, prova a cercare gli scritti e i discorsi di chi la sosteneva, è un Eroe dello Stato, ma non quello che cita sempre Travaglio, è quell’ altro, quello ben più addentro alla macchina giustizia.

      Ciao

  16. Caro Renzo, buon giorno e buon sabato.
    I nostri amici de “Il Tribuno” hanno nuovamente fatto le pulci al Fatto scoprendo una chicca niente male su Luca Telese che in questi giorni si sta dando un gran da fare per criticare il Pd sulla vicenda Rutelli-Lusi
    “QUANDO RUTELLI [SINDACO], VENIVA CONDANNATO DALLA CORTE DEI CONTI PER GLI INCARICHI A LUSI E TELESE…
    http://www.iltribuno.com/rubriche/rassegnaStampa.php?id=2491

    • Se leggo una sola volta uscire dalla penna di Telese robe che riguardano raccomandazioni o incarichi facili, mi mangio tutto Tony Porchetta ossa comprese!
      Grazie Andrea della segnalazione 😉

      Ciao

        • uhhh che brutta storia, mi ripromettevo di scriverne prima o poi, perchè è una faccenda a dir poco puzzolente, oltre ad essere stato censurato perchè chiesi come mai Del Turco fosse già colpevole per i giudici del FQ.
          Una vicenda vomitevole, non solo Travaglio ci fa la figura del manettaro ottuso, pure la Amurri, quel gran pezzo di giornalistona, si è distinta.
          Aspetto almeno il primo grado per scrivere qualcosa, ma non posso fare a meno di notare che Trifuoggi (ricordi?) era così sicuro delle prove che… ha chiesto almeno un supplemento di indagini di 6 mesi: curioso per uno che annuncia di avere in mano prove schiaccianti più che sufficienti.
          Tutte beaste sulla parola di uno che, poi, sembra in realtà volesse vendicarsi di Del Turco che gli stava tagliando gli appalti.
          A me di Del Turco non me ne frega niente, ma i giudici del FQ danno sempre ascolto SOLO al pentito di turno, e condannano senza appello.
          Altro esempio è Brusca: non importa se ha ammazzato Falcone, moglie e scorta, conta che dica di ricordare del papello (di ste due balle!)
          Brusca è attendibile, è solo un assassino che ha continuato a gestire i traffici pure sotto protezione pentito, ma se dice che il papello è buono, bisogna credergli.

          Curiosità: Trifuoggi è sempre quello registrato a “microfono aperto” con Fini dirne delle belle sul banana, non so se ricordi.

          Comunque l’ articolo è dell’ Unità, il Tribuno lo rilancia soltanto.

          Ciao

          p.s. dipende dall’ appetito: talvolta ne ho così tanto che mi mangerei una porchetta intera, tipo Telese 😀

  17. RENZO anche se ti leggo volentieri i tuoi commenti sui fatti per me é diffiocile fare un post visto la mia posizine FUORI ROTTA.
    ma posso farti sapere che i miei servizi segreti che operano in lombardia (ho una sede estiva in quel di castglioni delle stiviere MN.)dall’ultimissimo rapporto sui movimenti di BOSSI.
    sembra che il nostro BOSSI si é recato all’isola del GIGLIO per constatare la situazione personalmente anche per attaccare il capitano (terrone).
    di ritorno decide di fare una visita all’isola di caprera per vedere il colpevole della rovina padana GARIBALDI.
    arrivato per rispetto tutto solo si reca a visitare la tomba di garibaldi dopo un poco sente una voce che dice UNBERTO…UNBERTO.. avvicina l’orecchio alla tomba e sente la stessa voce
    che gli dice: portami un cavallo
    un po perturbato torna a casa e racconta a suo figlio TROTA l’accaduto alche il figlio gli dice: papa sei troppo vecchio stai perdendo il tuo spirito focoso (cioé stai rincoglionendo)
    ma nei giorni seguenti vedendo il papa sempre piu turbato decide di andare a verificare con il papa se era vero il fatto della voce,
    arrivati davanti alla tomba si mettono in rispettoso silenzio per 5 minuti alche il TROTA dice papa vedi che avevo ragione che stai diventando rincoglionito, BOSSI triste dice hai ragione andiamo ma fatto nemmeno un passo sente la voce UNBERTO..UNBERTO.. tutto baldanzoso avvicina l’orecchio alla tomba e la voce gli dice: UNBERTO ti avevo chiesto un cavallo e non un ASINO

    (scusate la lunghezza del rapporto ma i miei informatori sono meticolosi)

    • 😀
      Allora ti replico con una delle battute più belle che ho letto sulla lega, era su http://www.spinoza.it e diceva più o meno così.

      Ad Adro il sindaco leghista ha tempestato una scuola di simboli della lega (ora li han tolti)
      Ne aveva messi dappertutto, anche uno grande sullo zerbino all’ ingresso: è l’ unica volta che sono stato contento di aver pestato una merda.

      Comunque siamo scorretti: non si può prendere in giro il duo Bossi e la lega, troppo facile!

      Scherzi a parte, i sondaggi danno la lega in crescita, non intellettuale, ma di voti.
      Comprensibile che i consensi aumentino, han governato così bene.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s