Ma tutto questo Peter non lo sa…

Forse. Di sicuro se lo sa non lo dice. Cosa? Che commentare gli articoli del Fatto Quotidiano è la cosa più inutile che possiate fare. Mi chiamo fuori perchè, dopo censure e ban vari, tutti senza alcuna ragione, ho smesso di scrivere qualcosa di sensato, al massimo 3/4 righe per irriderli e lanciare un sasso nello stagno. Volete sapere perchè è inutile? Continuate a leggere e lo scoprirete.

Peter è ovviamente Gomez, il direttore (estikazzi) del fattoquotidiano.it, ovvero colui che dovrebbe sapere tutto e che, altrettanto ovviamente, dovrebbe informare i visitatori/lettori/commentatori di ciò che avviene sul sito, questa però dev’essersela dimenticata. Eppure proprio ieri ha fatto il punto sull’ avanzamento lavori (dopo 2 anni sono ancora in beta!, ridicoli), ma di cosa han fatto ai commenti non l’ ha scritto, che distrattone.

Nel mio precedente articolo me la sono presa con l’ azzeramento dei commenti nel blog, oscurato, di Massimo Ciancimino. Potete verificarlo voi stessi, ma non è finita qui, purtroppo.

Sì perchè un amico mi ha fatto notare che, stranamente, alcuni articoli che aveva commentato nel recente passato erano del tutto privi di commenti, tutti a zero!

La cosa ci ha incuriosito e, con pochi click, abbiamo scoperto ciò che non ci saremmo mai aspettati: tutti i commenti precedenti ad una data sono stati cancellati, spariti, tutti nel cesso e han tirato l’ acqua!

Non ci potevo credere, eppure è così. Verificatelo voi stessi. Bastano pochi click, tenendo presente che ciò che linko oggi, domani potrebbe cambiare pagina, visto che ogni giorno o quasi vengono aggiunti nuovi articoli.

Per comodità vi metto dei link:

Così a colpo d’occhio penso si possa dire che hanno cancellato tutti i commenti precedenti al primo Ottobre 2011. Han detto qualcosa a qualcuno?

Ricordate quell’ articolo che vi era piaciuto tanto? Tanto da esprimere il vostro apprezzamento al giornalista? Commento cancellato. O quella volta che avevate voluto aggiungere qualcosa di vostro per completare l’ articolo? Commento cancellato. O… tutto quello che avete scritto prima del 01/10/2011? Tutto nel cesso! 

Eppure proprio ieri Gomez scriveva ciò: I partecipanti alle discussioni sono aumentati e si sono quasi sempre dimostrati di buon livello.”  tanto li cancelliamo comunque, checcifrega? e anche: “Ilfattoquotidiano.it si è confermato così un luogo piacevole dove, gli oltre 450.000 visitatori unici quotidiani, possono dibattere e confrontarsi.”

Poi arriva il meglio: “I commenti, del resto, sono una delle anime del nostro giornale. Ci segnalano notizie, opinioni, e errori (i nostri). E anche quando sono critici non ci spaventano.” ehhh sì, comeno, mavaccagare Gomez, censurate e bannate chi vi critica.
Per arrivare infine a: “Proprio per questo ricordo che chiunque può avanzare la propria candidatura a pubblicare un post sulle nostre pagine usando il pulsante nella barra laterale “Hai qualcosa da dire? Dilla su ilfattoquotidiano.it“.
Io avrei qualcosa da dire, ma non credo che la pubblicherebbero, per cui lo faccio qui.

Caro direttore e cari giornalistoni del Fatto Quotidiano online, sareste così gentili da fare la stessa cosa che han fatto 2 anni di commenti di chi ha scritto sul vostro sito?

SPARITE!

p.s. chi ha un minimo di conoscenze di informatica sa che lo spazio occupato da migliaia di commenti in un database è ridicolo; se invece non sono capaci di gestirlo, allora che si cerchino dei professionisti veri, Arsenale23 escluso, ovviamente, come hanno imparato a loro spese.

Advertisements

16 thoughts on “Ma tutto questo Peter non lo sa…

  1. Sinceramente non ho capito il problema, ho lavorato 13 anni in un quotidiano (on line) e se il sito è gratuito, tanto piu’ dichiaratamente in beta, puo’ anche chiudere e cancellare tutto quando vuole, estiquatsi… non ho diritto su quel che ho scritto nei commenti, ma scherziamo ? Questo blog, o wordpress(!), garantisce forse qualche altra garanzia che non conosciamo noi lettori ? Riguardo ai presunti “spam” via email beh… lo spam è “non richiesto”. Se uno gli da’ la email accetta che gli arrivi pubblicità. Continuo a non capire il problema. Su IlFatto ce ne sarebbe da dire, e lo dici (anche io sono tra i piu censurati, difatti NON ho rinnovato l’abbonamento), ma la questione commenti cancellati, blog cancellati, e sito in beta.. mi sembrano forzature un po troppo forzate.

    ps – preferisco avere disqus ora e il ripulisti del passato che tenersi quel vecchio sistema demenziale dei commenti. IMHO 😉

    • Da un punto di vista legale è ovvio che possano farlo, da altri punti di vista no, è profondamente sbagliato cancellare i commenti degli utenti, sono il feedback più diretto e vero agli articoli cui si riferiscono.
      Non è spam l’ email che mandano per rinnovare l’ abbonamento, lo sappiamo perfettamente, semmai è poco simpatico ti arrivi su un account bannato: della serie, utenti come i maiali, non si butta via niente.
      Disqus o no, non mi cambia la vita, commenti cancellati, tipo anche “voglioscendere”, quello lo trovo come minimo poco gradevole, e mi fermo qui (c’erano anche commenti di Travaglio in risposta ad osservazioni).
      Sito in beta? 3 anni in beta? A me fan ridere, a te no? 😀

      • WordPress è in beta, quindi perche’ il Fatto no? Tutto cio’ che viene programmato è in beta, fino alla versione successiva, Regol n Zero dei progrmmatori.

        Critichiamo le cose serie, e su Il Fatto ce ne sono, ma sulla beta … essere in beta è anzi garanzia che ci stanno lavorando, come è giusto che sia, in continuazione. Tutto il web è in beta dalla nascita, grazie al cielo.

        e tu ti fideresti di una “versione definitiva” ? :Ddi un gioco, di un software, di un CMS .. ? questo si che fa ridere, su.

        • Non sono d’accordo con quanto affermi, perchè quando un sw è maturo e stabile esce dalla beta 0.99999 per passare alla 1.xx.xx
          Poi continuerà ad essere aggiornato o meno, non è obbligatorio, e infatti a seconda delle major release o delle new features passerà o a 1.02 o 2.01 ecc…
          Mi fido certamente di una release stable, semmai diffido della new beta: quella sì che la metto su una macchina di test.
          Avendo fatto parte della crew di un progetto GNU, ricordo la discussione che ci fu per passare da 0.9 a 1.0, ma lì il problema era che volendo che girasse su parecchi SO si dovevano specificare su quali fosse già stable al 100% (Linux, tutti i Windows, Mac OSx, Solaris.. ecc..)
          “Il web è in beta dalla nascita” mi lascia perplesso.

          Il FQ provò a uscire dalla beta (cambiando pure il logo) ma non era per niente stable, infatti tornarono indietro, scrivendo che avevano fatto un rollback, termine corretto ma soprattutto più figo.

  2. tra e le altre cose, questo “giornale” continua ad intasarmi la mail con richieste di abbonamento, anche scontato.
    “il fatto quotidiano non riceve contributi statali” questa l’arma da taglio della invasione quotidiana della mia casella di posta.
    bene…….. fatevi dare i contributi statali, se ne avete diritto, e non scassatemi più le palle a me.
    con la speranza di essre letto da qualcuno di loro.
    grazie.

    • preferirei ricevere qualche mail da ogni giornale pubblicato in italia piuttosto che continuare a sovvenzionarli tutti con le mie tasse..poi vedi tu

  3. se avete un minuto o due da perdere, andate a leggere i commenti sull’articolo rilasciato dal travagliante oggi, o ieri, ma lo trovate la.
    SOLO ED ESCLUSIVAMENTE lodi sperticate ed elogi, ringraziamenti, grazie di esistere ecc ecc.
    non c’è l’ombra di una critica.
    e l’articolo parlava , guarda caso, di leccaculi.
    …non ho parole.

  4. Ti consiglio di leggere questo post ( http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/12/21/caro-peter-sono-quasi-daccordo/178726/ ).
    Anche il sottoscritto, nonostante non sia per niente ostile alla linea editoriale del FQ, è stato vittima di censure al quanto ridicole. Ho maturato la convinzione che siano principalmente frutto di un eccesso di zelo della famigerata redazione di moderatori piuttosto che di una fregola censoria di Travaglio e soci.

  5. ciao, fai bene a fare così… a fare diciamo un controblog per rettificare l’esposizione di alcuni fatti.
    perchè come ben sappiamo, i fatti si possono raccontare in modi diversi ed il risultato per chi li ascolta è decisamente lontano dalla pura realtà.
    è purtroppo una caratteristica umana quella di avere delle idee che dorino, o smerdino un fatto.

    detto questo, ognuno di noi dovrebbe farsi ricercatore delle notizie: chi si ferma alla lettura dell’articolo di travaglio, di gomez, di chiunque altro senza porsi domande ma prendendo tutte le parole per oro colato, si merita di essere la pecora che è.

    voglio leggere una notizia critica nei confronti di berlusconi? leggo travaglio.
    voglio leggere una notizia affidabile sulla situazione palestinese? non leggo certo ne travaglio ne gli articoli del fatto quotidiano, giornale chiaramente sionista.

    che i commenti spariscano dai blog, come hai scritto tu nella home page, ognuno a casa sua fa quello che gli pare… liberi tutti di non lasciare alcun commento; liberi tutti di non leggere notizie che non interessano.

    • D’accordo con te su quasi tutto.
      Possono cancellare tutti i commenti, anche impedire di commentare, è un loro diritto farlo, non ci piove, ma è molto in contrasto con quanto affermano, cioè dicono/scrivono una cosa poi fanno l’ opposto.
      E questo, per giornalisti che si spacciano per libertari, contro la censura, aperti alle critiche, la memoria della rete… ecc… ecc… è un bel controsenso.
      Oltre al fatto che commentare diventa quindi inutile.

      • Sono migrati su Disqus, in parte sono stati reimportati e in parte no. Probabilmente lo faranno nei prossimi giorni. Chiuque abbia effettuato migrazioni di questo tipo sa che è perfettamente normale. Caro Pacco quotidiano voler polemizzare a tutti i costi non mi pare una grande idea.

        • Scrivere senza sapere di cosa si sta scrivendo è tipico dei difensori “a prescindere” come te.
          Migrare?
          E tu avresti effettuato migrazioni di questo tipo?
          Ma di cosa stai cianciando?
          Di Disqus hai appena dimostrato di non saper niente.
          Mentre i commenti sono spariti già una prima volta da voglioscendere (tutti quelli a Travaglio e Gomez, non a Corrias), adesso dal FQ.

          Giorgio, ripassa quando sai di cosa parli, che è meglio, ti risparmi figure barbine.
          Altrimenti continua pure, contento tu…

      • Perché ti appare “strana” una migrazione dei commenti? Se non ricordo male l’intero sito delle cazzate quotidiane (aka “il fatto”) poggia su WordPress e ci dovrebbe essere un plugin apposito per spostare automaticamente i thread con i commenti su Disqus.
        Altrimenti basta esportarli in XML secondo il WXR schema e importarli manualmente.

        • Non mi appare strana, è che non c’è nessuna migrazione.
          Per usare Disqus basta leggere come si fa nel sito: è semplice ma non è un plugin.
          Il FQ usa WP, e credo sia la versione MU, moddato inoltre con W3 total cache.
          Il fatto è che hanno piallato il loro db commenti fino al 30 settembre, senza dire niente, mentre potevano lasciarlo o esportarlo.
          Ma ho idea del perchè abbiano agito così, anche se non ho le prove.

      • Aspe aspe, non hp detto che disqus sia un plugin. Disqus è una piattaforma web che facilità la gestione di commenti. A differenza dei commenti WP che vengono salvati “localmente” in un apposita tabella del db, i commenti postati su disqus vengono salvati nei db di disqus. Quindi se vuoi mostrare i vecchi commenti WP usando disqus devi migrarli nei loro db. Qui entra in gioco il plugin che serve ad automatizzare il processo di migrazione usando le disqus API e oltretutto aiuta a sincronizzare costantemente i commenti disqus con il db wordpress in modo da conservarne una copia locale e poter tornare al gestore wp quando vuoi. che il db sia stato piallato non puoi saperlo, probabilmente i commenti sono ancora li e non son ancora stati migrati o semplicemente non vengono mostrati. La migrazione cmq è necessaria altrimenti sul sito di disqus non ci sarebbe un’apposita sezione che spiega come farla. A meno che tu per migrazione non intenda un cambio di URL che determinerebbe il dover reimpostare i riferimenti ai commenti.

        • Ahh ecco, adesso ci siamo: Disqus è come lo hai descritto, anche se non hanno fatto proprio tutto quello che hai detto tu.
          Io penso, e con qualche ragione, non siano molto bravi a gestire il loro db, o meglio, di db ne san pochino.
          Una prova?
          Vai a vedere i commenti di un thread di ottobre, spostati su Disqus: notato niente?
          Sì, le accentate non sono proprio a posto, e ciò perchè probabilmente han cannato il charset nell’ export o nell’ import.
          Questo fatto mi fa pensare che non sappiano muoversi sul loro db, e visto che c’erano, han piallato tutti commenti fino a ottobre 2011.
          Così hanno scaricato il db di un bel po’ di roba (mica tanta, solo che adesso è più leggero).
          Certo, le mie sono ipotesi, ma dubito che vedremo i commenti precedenti a ottobre riapparire magicamente su Disqus.
          Anche Casaleggio ha fatto la stessa cosa su voglioscendere: adesso non c’è neanche il link col numero dei commenti, tanto dava errore 404, meglio toglierlo per sempre, così non sa più niente nessuno.
          Anche il link non c’è su cadoinpiedi, è una roba assurda, lunghissimo e forse nemmeno aperto agli spider.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s