Ricevo e volentieri pubblico 2

Un amico mi ha mandato il link al documento della seduta del Consiglio Provinciale di Milano dell’ 8 settembre 2005. Ne riporto alcuni brani, così, tanto per leggere cosa diceva Filippo Penati in quell’ adunanza, in modo che ciascuno possa farsi la propria idea.

Il documento è questo.

Dice Filippo Penati a pagina 9: “Il prezzo pagato al Gruppo Gavio è congruo, come attestato anche dal nostro advisor Vitale Associati S.p.A., in quanto è pari a 6,793 per azione, oltre al 30% del premio di controllo, pari a 2,038 per azione. Il prezzo base è più che congruo rispetto al valore della società.”

Scriveva invece Milano Finanza il 6 c.m.:“La Provincia di Milano, scrive MF, concluse l’operazione per conto suo senza avvalersi di alcun advisor…”

Allora, lo studio Vitale Associati S.p.A. è l’ advisor o no? Chi dice la verità, Penati o Milano Finanza?

Sempre dall’ articolo su Milano Finanza: “…le considerazioni della societa’ di consulenza giunsero dopo che l’affare tra Palazzo Isimbardi e il gruppo Gavio era stato deciso. [….]
E’ quanto emerge proprio dalla fairness opinion di Vitale & Associati del luglio 2005 che MF-Milano Finanza ha potuto visionare.”

Peccato che Penati nell’ adunanza provinciale dell’ 8 settembre 2005 dica quanto ho riportato in precedenza, cioè che il prezzo delle azioni è congruo come attestato dall’ advisor Vitale & Associati. Vale la pena comunque leggere anche il resto del verbale dell’ adunanza provinciale, se ne leggono delle belle, tipo il Consigliere Dapei (pag.23-24) che dice: “…ci aspettavamo,quindi, già da tempo, oggi, di poter dire di prendere atto, Presidente Penati, che per l’ennesima volta sulla questione Serravalle, Lei ha profondamente cambiato idea. [….] Quindi, Presidente, Lei, da Segretario provinciale dei DS, dichiarava, nel gennaio del 2003, quando noi compravamo azioni della Serravalle ad un quarto del prezzo che avete speso voi, per evitare che le comprasse Gavio, Lei diceva – cito testualmente il sito dei DS – la Colli ha investito nei mesi scorsi 20 miliardi di vecchie lire, soldi dei contribuenti milanesi, sottraendoli ad altre priorità, per aumentare dal 30 al 33% la presenza della Provincia di Milano, su una società che noi già controllavamo. Quindi le cinque volte in cui io votavo, con gli altri colleghi, per l’acquisto delle azioni di Gavio e per l’acquisto delle azioni di Serravalle, perché non le comprasse Gavio, la sinistra votava contro, gli vendeva le azioni, perché le azioni che ha comprato Gavio gliele ha vendute il centrosinistra altrove, a Genova e negli altri Comuni e Province, e qui votava contro.” Buon divertimento.

Torna quindi la stessa domanda: lo studio Vitale & Associati ha scritto sì o no che il prezzo era giusto? Il titolo del libro di Barbacetto, “Compagni che sbagliano” sembra perfetto, peccato che anche a Barbacetto, così come a Travaglio per il suo “Mani pulite”, la memoria inizi a difettare.

Ma oggi più che mai, la supercazzola di Milano Finanza comincia a puzzare sempre di più.

Advertisements

3 thoughts on “Ricevo e volentieri pubblico 2

  1. ..ovunque ti giri il piu pulito c’ha la rogna, però a questo punto potresti fare una rubrica speciale del tipo sempre il pacco, ma più o meno come il paccofinanza

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s