Alleluja alleluja

Cari fratelli e sorelle, il Profeta del nuovo millennio è fra noi

Il 22 Agosto dell’ anno del Signore 2011, alle ore 00:48, Egli si è finalmente palesato con queste parole: “mi viene da sorridere pensando: se a Gesù Cristo, quando raccontò la parabola del figliol prodigo, avessero fatto tutte queste seghe mentali….”.

Il Suo nome, a tutti ormai noto, è Claudione Messora, il Messia del Fatto Quotidiano.

Sinceramente non riesco a comprendere come possa anche solo aver pensato un paragone del genere, accostare la sua parabola del menga a quella del figliol prodigo è ai limiti della blasfemia.

E si meraviglia pure che alle sue cagate raccontate a braccio non sia seguito unanime coro di osanna fra chi le ha commentate: ma fa davvero così caldo a Milano?

Meno male che almeno ha smesso di sentirsi perseguitato dal sottoscritto, visto che Guido_Roberto_V. ha scritto un commento qui nel blog, altrimenti sarebbe ancora lì che si dimena contro i vari “triario” “luigi zoppoli” ecc… raccontando che sono sempre io sotto mentite spoglie. Forse ha finalmente capito che non sono il solo a scrivergli che racconta vaccate.

Ma in fondo è solo un poveraccio, un blogger, anzi, videoblogger di ultima generazione, di quelli che, come Layla Pavone, sanno talmente tanto di internet, che si appropriano del lavoro altrui e ci appiccicano sopra il loro nome, fregandosene bellamente del copyright, come invece è ben specificato nel sito da cui l’ ha copiata.

Gentaglia da 4 soldi, ma con questo ultimo post su Messora ci metto una bella pietra sopra, non vale nemmeno il tempo sprecato a scriverne.

Advertisements

5 thoughts on “Alleluja alleluja

  1. Lo so, lo so !!! Dedicare ulteriore attenzione a questo individuo è sprecato ma, permettimi, te ne prego, di postarti una chicca che ho trovato in giro per il web.
    Il tutto nasce dal fatto che, utilizzando facebook, navigando tra i profili di alcuni “amici”, sono imbattutto nel profilo – pagina del nostro messia. Una pagina accattivante, da come potrai vedere ( https://www.facebook.com/informatiecontenti ).
    Ebbene, spulciano in google, ho trovato anche un altro caso in cui questo simpatico personaggio, si è reso protagonista.

    http://www.giosby.it/2012/02/18/byoblu-il-censuratore-che-si-lamenta-della-censura/

    Niente di nuovo, eeeh ? Sarò uno che si diverte con poco ma… questo passaggio mi ha fatto lacrimare dal ridere:

    Un commento di un lettore suona così:
    “Scusa Claudio,
    ho riletto tutta la conferenza stampa integrale dal sito del governo italiano, e non ho trovato la frase : “le imprese americane hanno sempre fatto molta pressione per l’integrazione europea, per loro stesso tornaconto.”
    Forse dipende dal fatto che il mio inglese non é eccellente.
    Puoi darmi un link ufficiale dove poter leggere quella frase? (che trovo assolutamente scandalosa). Vorrei accertarmi che sia vera.
    Grazie”

    E per tutta risposta cosa scrive il “buon” Claudio Messora? ”

    Aspetta.. aspetta…. LA PARTE BELLA VIENE ORA !!


    “L’ha detta in conferenza stampa negli Usa. L’ho sentita nelle rassegne di Sky tg 24. Detto questo, un blog funziona anche sul concetto di autorevolezza. Se scrivi “vorrei vedere se è vera la frase” significa che non me ne attribuisci, dunque ti consiglio vivamente di non leggermi più.“ ”

    AHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAH

    ussignur…svampito dalle risate, c’è anche il resto ma.. per me la perla rimane questa risposta di Messora che ti ho riproposto.
    PS: qual è il tuo grado di autorevolezza, Renzo ? Se scrivi cose che condivido, posso passare allo step in cui qualsiasi cosa scrivi, la prendo per buono ? 😀
    Che mi tocca leggere !!!

    • Messora ne ha pestata un’ altra.
      Il link che hai messo potrebbe essere un post qui in questo blog, perchè la storia si ripete e mette anche un po’ di tristezza.
      L’ autorevolezza ha poco senso, serve solo a Messora per cammuffare la figuraccia, mentre chiedere scusa di un errore non è proprio nelle sue corde.
      Avrà fatto un corso di autostima al CEPU o per corrispondenza, e adesso pensa di essere depositario del verbo assoluto: ohh, se ci crede lui ed è contento…

      La mia autorevolezza invece è a livelli stratosferici: non mi da retta nemmeno il mio cane 😀

      Però mi hai fatto riflettere: questa storia che hai inserito è da non perdere, e stavo pensando ad una roba tipo una sezione “birbaccioni seriali” o cosa del genere, da mettere nel menu per inserire le marachelle più recenti dei soggettoni vari.
      Di sicuro, oltre a Messora, potrebbero starci la Ravera, Telese, Travaglio, Piromalla e socia ecc.. ecc..
      Così, ad esempio, questo tuo commento potrebbe essere lì e magari avere più letture.

      Ci penso…

      Oh, sono uno solo, mica c’ho il risacc team della Pavone 😀

      Ciao e grazie di questa perla

  2. Peccato che il novello Jesus ti prenda tutte le energie…..oggi la Vitaliano e’ in preda a un godibilissimo delirio, di quelli tipici della Soffici che fan solo male alle donne (cmq a guardare la sua foto capisco che sia incavolata con gli uomini…chissa chi se la piglia, antipatica, presuontuosa e pure mostra). Mentre praticamente tutti i lettori la insultano, i commenti spariscono poi riappaiono poi spariscono ancora. In ogni caso la mole di vaffa che si e’ presa mi rincuora, vuol dire che di tutta la mole di contatti che il Fatto si vanta a destra e a manca di avere, molto sono li per la mia stessa ragione, cioe’ toccare con mano quanto sono ipocriti.

    • Con Messora ho chiuso, non merita altro tempo, anche se la questione della mappa col suo dominio scritto sopra (come fosse roba sua) e senza ottemperare alle richieste (ridicole, è free) di chi l’ha fatta non dovrebbe passare sotto silenzio.
      E’ come fare una roba così
      Gioconda coi baffi e dire “l’ ho fatta io”
      La Vitaliano la vado a leggere, sono curioso di vedere cosa ha scritto.
      Comunque, senza fretta, dovrei riuscire a mettere online tutte le varie baggianate e le censure, visto che sui blog del FQ non scrivo più da tempo.

      Ciao

    • Dai commenti:
      Angela Vitaliano
      cara Francesca, non provero’ mai a farle cambiare opinione e qui, nel mio blog, trovera’ sempre lo spazio per esprimerla liberamente
      come faro’ sempre io
      si chiama democrazia

      Peccato che abbia le prove di quando mi censurarono i commenti proprio sul suo blog.

      L’ articolo è un classico esercizio di giornalismo con verdetto già emesso: evidenzio ciò che mi conviene, nascondo ciò che mi smentisce.
      Infatti, curiosamente, non commenta questo che, sempre curiosamente, inizia con “Che strano, il Fatto censura i commenti.”

      Non è poi così strano, anzi, è prassi

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s